Nuove restrizioni a Bucarest. Ristoranti e caffè chiudono all'interno. Cosa hai con HoReCa?

0 1.203

Martedì sera il prefetto di Bucarest ha annunciato le nuove restrizioni, che entreranno in vigore a partire da mercoledì 7 ottobre. Con il pretesto di aumentare il numero di nuovi casi di COVID-19, le autorità hanno deciso di chiudere teatri, cinema, ristoranti e caffè all'interno, a Bucarest.



Gheorghe Cojanu ha spiegato che tutte queste misure sono valide per almeno i prossimi 7 giorni o fino a quando il tasso di incidenza rimarrà superiore a 1.5 per 1000.

Fanno eccezione le unità di alloggio - hotel, pensione, altre unità di alloggio - dove il servizio interno è consentito solo agli ospiti accomodati.

Quando il tasso di incidenza scende al di sotto dell'1.5 per 1000, comunicato settimanalmente, il Comitato per le situazioni di emergenza si riunirà immediatamente e ordinerà la ripresa di tutte le attività.

Dopo aver appreso delle nuove restrizioni, mi sono seduto e mi sono chiesto: "Perché le autorità hanno deciso di distruggere il turismo, l'HoReCa e l'industria dei trasporti?" Non ci sono dati che dimostrino che i grandi focolai siano nei caffè e nei ristoranti. Tanto meno nei cinema e nei teatri.

Al contrario, le grandi epidemie sono nelle istituzioni statali, nelle case per anziani, nelle case dei bambini, in altri settori affollati. Eppure rimangono aperti. Cioè, COVID non circola nelle chiese, nei casinò, nei centri commerciali? Posso scommettere (se i casinò sono ancora aperti) che le misure di prevenzione sono state osservate molto meglio nell'area HoReCa rispetto ad altri settori. Perché le misure adottate sono dimezzate e non uguali per tutti? O chiudere tutto o non chiudere niente ...Non sarebbe logico?

Cosa hai con HoReCa?

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.