Persone di aviazione: Ana Diculescu - Senior Cabin Crew

Continuiamo il progetto "People From Aviation" e in 2018. La prima intervista di quest'anno è stata presa da Anei Diculescu - Senior Cabin Crew.

0 2.896

L'aviazione unisce le persone, unisce i continenti, unisce le emozioni. Continuiamo la serie di interviste con "People from Aviation" e parliamo con Ana Diculescu - Senior Cabin Crew.



Ana Diculescu - Senior Cabin Crew

Ana-Diculescu-echipaj

Facciamo conoscenza! Stiamo parlando?

Mi chiamo Ana Diculescu, volo da 19 anni, Senior Cabin Crew presso Blue Air.

Da dove viene la tua passione per l'aviazione e come hai deciso di entrare nel campo?

Essere parte di una famiglia con una tradizione nell'aviazione, mio ​​padre lavora ancora in questo campo, più l'odore del cherosene e degli aerei, tutto questo mi ha fatto seguire il mio sogno.

Il primo amore sono stati gli elicotteri, sono cresciuto tra loro ed è così che i miei microbi dell'aviazione sono entrati nel mio sangue. È un microbo che non penso tu possa curare.

La mia famiglia mi ha sempre sostenuto nel fare ciò che amo. Dopo essere entrato al college, mi hanno aiutato a continuare a vivere nel mio mondo fiabesco in cui mi sentivo a casa: l'aviazione. Ma mi sono concentrato sugli aeroplani e sul lavoro con il pubblico, parallelamente ai miei studi.

In cosa consiste il tuo lavoro e quanto è candidato?

Il desiderio di rendere il volo sicuro, la preoccupazione per la sicurezza e il comfort dei passeggeri e il lavoro dell'equipaggio sono solo alcuni aspetti del lavoro di scorta a bordo.

È un lavoro complesso, che combina sia lo sforzo fisico (lavoro lungo a bassa pressione, radiazioni, vibrazioni e rumore) che lo sforzo mentale.

Da un punto di vista psichico, come assistente di volo devi lavorare con successo con molte persone contemporaneamente e le tue emozioni.

Ricordo con affetto il periodo iniziale della mia carriera e implicitamente il momento durante i corsi di formazione come assistente di bordo quando l'istruttore, all'epoca, la signora. Georgeta Dumbrava, ci ha detto che i membri del consiglio di amministrazione devono essere gli attori perfetti. Quando si indossa l'uniforme, è consigliabile dimenticare i problemi a casa.

Come assistente di volo, interagisci con molte persone: dai colleghi a terra, ai compagni di equipaggio e ai passeggeri. Con passeggeri e colleghi trascorrono più tempo. Se nell'equipaggio siamo come una famiglia e ci capiamo a vicenda e ci aiutiamo a vicenda quando necessario, i passeggeri sono ciò che ci dà la ragione e la sfida di essere a bordo.

Ogni stress, stanchezza e stress svaniscono rispetto alla soddisfazione di vedere i passeggeri abbracciare i propri cari al pianerottolo. È la sensazione di aver contribuito alla loro gioia e al loro volo sicuro.

Ana Diculescu capo-cabina-Blue Air

Quanto è difficile salire a bordo? Quali sono i passi da compiere?

L'industria del trasporto passeggeri si sta espandendo e la domanda di compagni di bordo è in costante aumento. Non è difficile diventare un assistente di volo, ma è molto lavoro essere un buon assistente di volo. Implica molte ambizioni, sacrifici e devi sempre migliorare le tue prestazioni e conoscenze sul campo.

È un lavoro che combina conoscenze provenienti da molti settori (medicina, fisica, meccanica, sicurezza, merci pericolose, geografia, meteorologia e molti altri). Queste informazioni vengono fornite ai futuri compagni di bordo attraverso corsi teorici e pratici.

Per diventare un assistente di volo, i corsi specializzati devono essere seguiti all'interno di un istituto accreditato conformemente al diritto internazionale in vigore (indipendentemente o all'interno di una compagnia aerea).

La tendenza attuale a livello internazionale è quella di assumere personale non specializzato (in Romania, ad eccezione di Blue Air, Tarom e Air Bucharest, che richiedono la certificazione di un membro dell'equipaggio di cabina rilasciato dall'Autorità aeronautica) e di fornire la formazione necessaria come assistente di volo in all'interno dell'azienda che offre il lavoro.

La formazione prevede moduli sia teorici che pratici per le emergenze (lotta antincendio, depressurizzazione, evacuazione, sopravvivenza in ambienti ostili, pronto soccorso, ecc.).

Il background in qualsiasi campo è il benvenuto in questa professione. Come membro dell'equipaggio di cabina, usi qualsiasi informazione ed esperienza di vita.

So che non hai un programma fisso. Come ti dividi tra lavoro, vita privata e vita familiare?

Nel mio caso, il mosaico della vita lavorativa-privata-familiare ha successo. A casa ho una comprensione del programma. La passione per l'aviazione è stata ciò che mi ha portato nello stesso posto con mio marito.

A volte è più difficile a causa del programma realizzato dall'azienda. Se non pianifichi in anticipo, rischi di perdere alcuni momenti unici, ma nel mio caso fa parte della vita a cui ero abituato e continuo a scegliere di vivere.

Pianifico le mie attività secondo il programma ricevuto un mese prima dell'azienda. Allo stesso tempo, sono felice di supportare e aiutare tutta la famiglia a crescere mia figlia. Ci sono giorni in cui coinvolgo tutti e non è sempre facile.

Ana-Diculescu-echipaj-1

Quali sono i tuoi piani professionali futuri? Vuoi rimanere in aviazione o cercare un altro lavoro?

Devo ammettere che per un periodo ho anche provato un lavoro del tipo 8-16. È stato molto difficile per me adattarmi a un programma regolare, dal lunedì al venerdì. A quel tempo mi mancava il volo con tutte le sfide del pacchetto. Il volo, il piacere di lavorare con le persone, l'uniforme e i rigori dell'aviazione hanno portato a una piacevole dipendenza, che non vedo arrendermi troppo presto. Un'altra area che mi affascina e alla quale vorrei andare senza rinunciare all'aviazione è la protezione ambientale e il riciclaggio. Forse ad un certo punto prenderò più seriamente quest'area di attività, forse anche in relazione all'aviazione.

Ana Diculescu-Lapponia

Nel tuo lavoro sospetto che non ci siano giorni monotoni. Puoi dirci come va una giornata di lavoro? Hai avuto alti e bassi, situazioni piacevoli e meno piacevoli?

La scorta a bordo si basa su procedure, quindi esiste uno schema ben definito dell'attività stessa, ma lavorare con le persone fa scomparire la monotonia ogni giorno.

Ogni passeggero è unico e ha le sue aspettative; soddisfare le esigenze dei passeggeri in relazione al viaggio e la loro soddisfazione è per me la sfida quotidiana che cerco di soddisfare al meglio.

Una giornata di lavoro inizia da casa: la preparazione per il volo è rigorosa. Oltre alla ricapitolazione delle informazioni necessarie (procedure normali e di emergenza, pronto soccorso, ecc.) C'è anche la composizione dell'allenamento fisico.

Tutti associano i compagni di bordo alla bellezza, all'eleganza e alla cura, quindi non si deve trascurare l'importanza del piacevole aspetto fisico.

All'aeroporto l'intero equipaggio si incontra e discute il piano di volo, comprese le reazioni attese in situazioni impreviste e le modalità di azione, per tenerle tutte in mente e ridurre i tempi di reazione in tali casi.

Una volta sull'aereo, l'intero equipaggio di cabina controlla l'aeromobile e quindi riceve i passeggeri.
Ogni imbarco è diverso, ci sono situazioni che devono essere risolte senza indugio (dai posti passeggeri fino alla concessione del primo soccorso).

Dopo l'imbarco e la chiusura delle porte dell'aereo, far scorrere le diapositive per l'evacuazione dei passeggeri in caso di emergenza e quindi presentare loro l'addestramento di sicurezza.

Il decollo e l'atterraggio in ogni momento sono fasi critiche del volo e quindi gli assistenti di volo sono pronti a rispondere prontamente.

Dopo il decollo, ripetere le parti dell'addestramento sulla sicurezza a bordo (regole sul fumo, raccomandazione di tenere le cinture attaccate, ecc.) E iniziare il servizio a bordo (al servizio dei passeggeri). Forse può variare da gara a gara, a seconda della sua specificità.

Durante questo periodo, gli assistenti di volo prestano attenzione a ciò che sta accadendo sia nell'aeromobile che all'esterno, in modo che eventuali anomalie possano essere comunicate ai piloti.

In breve: siamo sempre in allerta e pronti ad intervenire in qualsiasi situazione, siano i passeggeri a sentirsi male a bordo (i più comuni) o le situazioni di emergenza.

Prima dell'atterraggio, la cabina passeggeri viene messa in sicurezza, vengono preparati tutti i documenti necessari e dopo l'atterraggio, alla base, viene consegnato l'aereo dei colleghi da terra (tecniche, ristorazione, ecc.). Se necessario, dopo il volo, vengono discussi i problemi e tratte le conclusioni.

In circa 6000 ore di volo, non abbiamo avuto situazioni spiacevoli gravi. Nient'altro che dare pronto soccorso, turbolenza, atterraggi e decolli in caso di maltempo o semplicemente falsi allarmi, il tutto nei limiti della sicurezza del volo. Non mi sono mai sentito in pericolo sull'aereo, al contrario, sempre al sicuro e difeso.

din-zbor-ana-diculescu-1

L'interazione con persone speciali, l'armonia dell'equipaggio, i paesaggi mozzafiato e i numerosi "Grazie per averci portato in sicurezza" o "È stato un volo meraviglioso" sono solo alcuni dei tanti momenti piacevoli a bordo degli aerei.

Che consiglio hai per coloro che vogliono intraprendere una carriera nel settore dell'aviazione, in particolare come assistenti di volo?

Il mondo dell'aviazione è affascinante e meraviglioso. Richiede solo passione, pazienza e perseveranza.

Ana, grazie mille per questa intervista. Detto questo, ti auguriamo "Clear Sky" e altrettanti voli senza incidenti!

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.