Operazione Cervino, la più grande azione di rimpatrio in tempo di pace

Operazione Cervino, la più grande azione di rimpatrio in tempo di pace

0 863

Penso che tutti ne abbiano sentito parlare bancarotta Thomas Cook UK. A seguito del fallimento, oltre 600 000 sono interessati i turisti, di cui 150 000 provengono dal Regno Unito. Questi ultimi sono protetti dal sistema ATOL.

Il governo britannico insieme alla UK Civil Aviation Authority (CAA) rimpatrerà tutti i turisti nel Regno Unito attraverso un'operazione chiamata "Cervino". Statisticamente parlando, questo sarà il più grande rimpatrio del mondo, in tempo di pace, dopo la seconda guerra mondiale.

Per questa operazione, 51 è stato noleggiato da aerei di varie compagnie aeree e charter, tra cui Airbus A380 di Malaysia Airlines. È stata una sfida per le autorità britanniche trovare gli aerei disponibili. La crisi di 737 MAX colpisce l'industria aeronautica a corridoio singolo.

Aerei 51 e voli 1043 per rimpatrio di turisti britannici

A 2017, in seguito al fallimento di Monarch Airlines, circa 85 000 furono rimpatriati dai turisti. Ma poi gli aeromobili richiesti sono stati trovati molto più velocemente, principalmente noleggiati da Qatar Airways.

Tornando a 2019, l'aeromobile noleggiato 51 opererà voli 1043 verso il Regno Unito, con partenza da 55 di aeroporti in tutto il mondo. L'operazione durerà 2 settimane (23 settembre - 6 ottobre) e coinvolgerà voli a lungo raggio dai Caraibi e dall'Asia.

Durante questo periodo, ai turisti già in vacanza è stato chiesto di non interrompere il loro soggiorno o di andare in aeroporto fino alla fine della vacanza. Tutti i turisti saranno rimpatriati alla fine del soggiorno, gradualmente. Per ulteriori informazioni, CAA ha lanciato un sito dedicato https://thomascook.caa.co.uk/.

L'intera operazione sul Cervino avrà un costo di 100 milioni di sterline. Più altri danni per i pacchetti turistici cancellati. Il milione 200 non pagherebbe meglio per evitare il fallimento di Thomas Cook?

In relazione agli altri passeggeri, provenienti da altri paesi, le autorità britanniche non rispondono. I governi dei rispettivi paesi gestiranno il rimpatrio dei cittadini. Citiamo che ci sono 140 000 di turisti tedeschi interessati, 10 000 di turisti francesi e molti altri dai paesi 16.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati dei tuoi commenti.