Il racconto del giorno: il settore dell'aviazione visto dall'esterno da Francesca Hinton.

0 112

Francesca Hinton è consulente senior presso Lexington Communications a Londra e fornisce consulenza a una vasta gamma di clienti dell'aviazione.

Di seguito sono riportati alcuni pensieri presentati da Francesca Hinton, che funziona tangenzialmente con l'aviazione, ma non direttamente. E questo gli dà un'altra esperienza di aviazione, ma dall'esterno.

"Se accenni di sfuggita a un amico che lavori nel settore dell'aviazione, vengono in mente molte immagini, forse quella di un pilota, un membro dell'equipaggio di cabina o forse anche un assistente al check-in. Questo è, ovviamente, naturale perché sono le persone che tutti vedono quando attraversano un aeroporto o viaggiano in aereo.

Senza dubbio questa fu la prima immagine nella mia mente dell'industria all'età di 19 anni, quando salì per la prima volta su un aereo quando andai all'estero per l'università. Solo più tardi, nel mio lavoro, ho visto che la realtà è diversa, con i diversi ruoli necessari per mantenere in funzione questo incredibile settore.

Lavoro nella comunicazione e negli affari pubblici per compagnie aeree britanniche e un importante aeroporto di Londra. Come consulente ho dovuto collaborare con innumerevoli persone che hanno ruoli diversi, ma necessari per mantenere le operazioni quotidiane. Dopo tutto, l'industria aeronautica è il terzo mercato mondiale.

Meno del 5% dei piloti nel Regno Unito erano donne.

Che si tratti di controllori del traffico aereo che guidano attentamente gli aeromobili con la massima efficienza, addetti stampa che mantengono la loro forza in caso di crisi o ufficiali che lavorano per garantire che tutto sia fatto secondo i più alti standard, ogni ruolo è essenziale in questo settore.

Forse l'esperienza più grande per conoscere più a fondo il settore è stata, però, un invito che ho ricevuto a lavorare con un gruppo che rappresenta le donne nell'aviazione e, in particolare, l'ambizione di vedere una maggiore parità di genere nei ruoli ai livelli più alti. La Women's Aviation Charter era un impegno dell'industria a ribaltare le statistiche chiave che suggerivano che meno del 5% dei piloti britannici erano donne.

Lavorando con questo incredibile gruppo di persone, ho partecipato alle incredibili campagne organizzate nel settore dalle compagnie aeree, sia che si tratti della campagna "FlyShe" per ottenere più materiali educativi nelle scuole o dell'iniziativa Amy Johnson di EasyJet per reclutare più donne-piloti - e ho notato la passione delle persone che lavorano in questo settore.

Guardando al futuro, la pandemia ha indubbiamente portato sfide incredibili a questo settore, ma le ambizioni che esistevano prima della crisi, una forza lavoro inclusiva e un futuro sostenibile rimangono più forti che mai."

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati dei tuoi commenti.