Quebec, Canada: chi non viene vaccinato paga un extra per l'assistenza sanitaria!

0 243

Il Quebec, la seconda provincia più grande del Canada, intende costringere gli adulti che rifiutano di essere vaccinati contro il COVID-19 a pagare un "contributo sanitario". Il provvedimento è stato annunciato con tutti i rischi che potrebbero stimolare un dibattito sui diritti individuali e la responsabilità sociale.

Martedì il primo ministro Francois Legault ha detto ai giornalisti in una conferenza stampa che la proposta, i cui dettagli sono ancora in fase di definizione, non si applicherà a coloro che non possono essere vaccinati per motivi medici.

Le persone non vaccinate rappresentano un ulteriore onere finanziario per gli altri e il ministero delle finanze provinciale stabilisce un importo "significativo" che i residenti non vaccinati dovrebbero pagare, ha affermato Legault, aggiungendo che tale importo non sarebbe inferiore a $ 100. Canadesi ($ 79,50).

I governi a livello globale hanno imposto restrizioni alle persone non vaccinate e pochi hanno imposto multe a coloro che riducono la vaccinazione, ma una tassa importante su tutti gli adulti non vaccinati potrebbe essere una mossa rara e controversa. Questa misura è certamente controversa, ancora indefinita, ma ha già indignato molti canadesi. Possiamo dire che sarebbe un'azione drammatica!

Ma le province canadesi stanno vivendo un aumento esponenziale dei casi di COVID-19, costringendo decine di migliaia di persone a isolarsi e il settore sanitario sta crollando. Il Quebec è stato uno dei più colpiti, registrando regolarmente il maggior numero di casi di coronavirus in tutte le province e disponendo di un sistema sanitario "soffocato".

"Il vaccino è la chiave per combattere il virus. Ecco perché stiamo cercando un contributo sanitario per gli adulti che rifiutano di farsi vaccinare per motivi non medici", ha affermato Legault. Ha anche affermato che sebbene la provincia abbia circa il 10% di persone non vaccinate, rappresentano circa il 50% di quelle ricoverate in unità di terapia intensiva.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.