Regole per viaggiare da / verso l'Italia dopo il 3 giugno

0 15.454

Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale presentate le nuove regole di viaggio da / per l'Italia dopo il 3 giugno 2020. Come vi ho annunciato, tutti gli aeroporti in Italia saranno riaperti dal 3 giugno e l'organizzazione del viaggio sarà rilassata.



  1. Dal 3 giugno 2020, i viaggi saranno consentiti liberamente, per qualsiasi motivo, da e verso i seguenti stati:
    • Stati membri dell'Unione europea (Oltre all'Italia, vi sono Stati membri dell'UE: Austria, Belgio, Bulgaria, Cipro, Croazia, Danimarca, Estonia, Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Irlanda, Lettonia, Lituania, Lussemburgo, Malta, Paesi Bassi, Polonia, Portogallo, Repubblica Ceca , rumenoa, Slovacchia, Slovenia, Spagna, Svezia e Ungheria);
    • Stati dell'accordo di Schengen (Stati extra UE parte dell'accordo di Schengen lo sono: Islanda, Liechtenstein, Norvegia, Svizzera)
    • Il Regno Unito di Gran Bretagna e Irlanda del Nord;
    • Andorra, Principato di Monaco;
    • Repubblica di San Marino e lo Stato della Città del Vaticano.
  2. Dal 3 giugno, le persone che entrano o ritornano in Italia da questi paesi non saranno più soggette a sorveglianza sanitaria e autoisolamento per 14 giorni., a meno che non si trovassero in altri paesi nei 14 giorni precedenti l'ingresso in Italia.
    - Ad esempio, una persona che entra in Italia dalla Francia il 14 giugno sarà soggetta ad autoisolamento se è entrata in Francia dagli Stati Uniti il ​​4 giugno, ma non sarà soggetta ad isolamento se il movimento dagli Stati Uniti alla Francia è avvenuto entro 30 maggio o se è stato in Germania dal 31 maggio al 13 giugno. Tra il 3 e il 15 giugno, per i viaggi da e verso paesi diversi da quelli sopra elencati, si applicano le stesse regole di 2 giugno per tutti i viaggi da e per l'estero (vedi domanda precedente).

Quali regole sono valide dal 18 maggio al 2 giugno per i viaggi da e verso l'estero?

Tra il 18 maggio e il 2 giugno, le regole di base rimangono simili alle precedenti. Il viaggio da e verso l'estero continua ad essere consentito solo per comprovate esigenze di lavoro, assoluta urgenza o per motivi di salute; in ogni caso, è ancora consentito il ritorno a casa, residenza o residenza.

Le persone che entrano o ritornano in Italia dall'estero devono trascorrere un periodo di 14 giorni sotto controllo medico e in autoisolamento a casa loro o in un altro indirizzo scelto dalla persona interessata o, in mancanza, in un luogo deciso dalla Protezione Civile. regionale.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.