Romaero, Incas e Airbus stanno sviluppando l'elicottero più veloce del mondo.

0 503

Aereo in ritardo? Il volo è stato cancellato? >>Richiedi un risarcimento ora<< per il volo
ritardato o annullato! Puoi ottenere fino a 600€!

Un nuovo elicottero è stato progettato con l'aiuto di ingegneri rumeni. È un elicottero alato. Il concetto si chiama Racer, sviluppato sotto coordinamento Airbus Helicopters, come parte dell'iniziativa tecnologica europea Clean Sky2. La fusoliera centrale è stata prodotta in Romania e sarà consegnata in Germania, per poi arrivare in Francia dove l'elicottero sarà completamente assemblato. Il progetto è costato 8.5 milioni di euro e la costruzione è durata 4 anni.

RACER, “Rapid and Cost - Effective Rotorcraft” è il progetto di punta dell'iniziativa tecnologica Clean Sky 2, la più importante partnership pubblico-privata in Horizon 2020, finalizzata agli sviluppi tecnologici volti a ridurre l'impatto ambientale dell'aviazione e supportare la competitività del settore . Dal budget totale di oltre 4 miliardi di euro del programma, alla Romania, come partner chiave attraverso il Consorzio RoC (INCAS e ROMAERO), sono stati stanziati 8.5 milioni di euro.

Romaero-Incas-Airbus-l'elicottero-più veloce-al-mondo-1

Ci sono volute oltre 9.300 ore per costruire la fusoliera dell'elicottero Racer.

Romaero-Incas-Airbus-cel-mai-rapid-elicopter-din-lume

Un team di 30 progettisti ha lavorato giorno e notte per creare questo nuovo concetto di elicottero, che sarà in grado di raggiungere i 400 hm / h. Pertanto, la sua velocità sarà del 50% più veloce rispetto all'elicottero più potente di oggi. L'aereo sarà l'elicottero più silenzioso ed economico del mondo. Con una velocità di crociera di 400 km / h, l'aereo mira a missioni per le quali il tempo di viaggio è di vitale importanza, come la ricerca, il salvataggio e il trasporto medico di emergenza.

Con la realizzazione fisica della fusoliera, i progettisti hanno provato una sensazione unica. Durante tutto il progetto, non potevano toccare l'elicottero fisico, ma potevano vederlo solo su un monitor vitale. Il progetto si basa su una rete europea di quasi 40 partner provenienti da 13 paesi dell'UE ed è un punto di riferimento per la cooperazione di ricerca europea.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati dei tuoi commenti.