La Russia ha aperto le sue frontiere aeree a diversi paesi, non all'Unione europea. Da settembre non vengono effettuati voli di rimpatrio.

La Russia ha aperto le sue frontiere aeree a diversi paesi, non all'Unione europea. Da settembre non vengono effettuati voli di rimpatrio.

0 210
Aereo in ritardo? Il volo è stato cancellato? >>Richiedi un risarcimento ora<<per volo ritardato o cancellato. Puoi avere diritto a un massimo di € 600.

I confini nazionali della Russia su strada, ferrovia, fiume e mare per i passeggeri sono chiusi ai cittadini stranieri dal 30.03.2020. A partire dal 1 ° agosto 2020, il governo della Federazione Russa ha annunciato la riapertura delle frontiere aeree. Da allora e fino ad oggi, la riapertura è avvenuta gradualmente, in funzione degli accordi bilaterali raggiunti tra le autorità dell'aviazione civile in Russia e negli altri Stati.

La Russia ha aperto le sue frontiere aeree a diversi paesi

Sono ripresi i voli commerciali sui collegamenti aerei con Gran Bretagna, Turchia, Tanzania (01.08.2020) Svizzera (15.08.2020) Kazakistan / Nur-Sultan, Kirghizistan / Bishkek, Bielorussia / Minsk (21.09.2020) Corea del Sud / Seoul (27.09.2020/XNUMX/XNUMX). A ottobre, Aeroflot ha ripreso i voli sulla rotta Mosca - Belgrado, Serbia. I voli sono disponibili per i cittadini di questi stati, rispettivamente i cittadini russi.

Sfortunatamente, non esiste una scadenza concreta per la riapertura dei confini con nessuno degli stati dell'UE, compresa la Romania. Ad eccezione delle categorie menzionate di seguito, i cittadini rumeni possono viaggiare nella Federazione Russa solo ai fini del rimpatrio, se possono dimostrare la loro residenza permanente sul territorio russo.

Dal 19.09.2020, il Ministero degli Affari Esteri russo ha annunciato la fine dei voli di rimpatrio per i propri cittadini / residenti. Rimarranno operativi solo i voli commerciali riaperti con la Federazione Russa.

Dal 18.09.2020, i cittadini stranieri che entrano nel territorio della Federazione Russa a breve termine (72 ore / 3 giorni), utilizzando voli regolari, non hanno più l'obbligo di entrare in quarantena per 14 giorni. Devono presentare un test COVID-19 negativo all'atterraggio, eseguito entro e non oltre 72 ore prima della data di arrivo sul territorio della Federazione Russa. Il documento può essere presentato in russo o inglese. Se questo documento non esiste, i cittadini stranieri sono tenuti a sostenere il test COVID-19 entro 72 ore dall'arrivo nella Federazione Russa.

Questo è lo stato delle restrizioni di viaggio in Russia.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati dei tuoi commenti.