Ryanair segnala un calo dell'81% del traffico passeggeri e dei ricavi negli ultimi 12 mesi

0 110

L'AF21 è stato l'anno più impegnativo nei 35 anni di storia di Ryanair. Il Covid-19 ha causato il crollo del traffico aereo, quasi interamente, da 149 milioni di passeggeri (segnalati il ​​31 marzo 2020) a poco più di 27 milioni di passeggeri (segnalati il ​​31 marzo 2021). Tutti gli stati europei hanno imposto divieti di volo, restrizioni di viaggio e blocchi nazionali. C'è stata una ripresa parziale nella stagione estiva 2020, poiché i blocchi iniziali si sono allentati.

Allo stesso tempo, RYANAIR annuncia una diminuzione dei ricavi di circa l'81%, da 8.5 miliardi di euro al 31 marzo 2020 a 1.64 miliardi di euro rispetto al 31 marzo 2021. Tracciando una linea e analizzando il rapporto tra spese e ricavi, la perdita negli ultimi 12 mesi è stato di soli 815 milioni di euro.

Ryanair ha risposto prontamente ed efficacemente a questa crisi, lavorando duramente per assistere i milioni di clienti colpiti da cambi di volo, rimborsi e piani di viaggio modificati. Hanno ridotto al minimo le perdite di posti di lavoro attraverso tagli salariali concordati e con l'aiuto della partecipazione del governo.

La crisi del Covid-19 ha accelerato il collasso di diverse compagnie aeree dell'UE, tra cui Flybe, Norwegian, Germanwings e Level, e ha innescato uno tsunami di richieste di aiuti di Stato da parte dei governi dell'UE da parte di operatori nazionali, tra cui Alitalia, Air France / KLM, LOT, Lufthansa , SAS, TAP, ecc., Che hanno distorto la concorrenza nell'UE, sostenendo per molti anni i vettori nazionali con costi elevati e inefficienti.

Il recente lancio di diversi vaccini Covid-19 faciliterà la ripresa dei viaggi aerei.

Il recente lancio di diversi vaccini Covid-19 faciliterà la ripresa dei viaggi aerei e del turismo intraeuropei quest'estate. Se, come attualmente previsto, la maggior parte delle popolazioni europee sarà vaccinata entro settembre, è prevista una forte ripresa dei viaggi aerei, dell'occupazione e del turismo nella seconda metà dell'anno fiscale in corso (FY22). I recenti forti aumenti nelle prenotazioni settimanali dall'inizio di aprile suggeriscono che questa ripresa è già iniziata.

Ogni passeggero che sceglie di viaggiare con Ryanair parteciperà al programma lanciato dalla compagnia aerea per ridurre le emissioni di CO₂ di quasi il 50% / volo. Nei prossimi 5 anni, il traffico Ryanair raggiungerà oltre 200 milioni di passeggeri. L'investimento di 20 miliardi di dollari di Ryanair in aeromobili moderni sarà fondamentale per raggiungere questa ambizione. Il nuovo aereo "Gamechanger" B737-8200 offre il 4% di posti in più, una riduzione del 16% del consumo di carburante, una riduzione del 40% delle emissioni acustiche, che aiuteranno Ryanair a ridurre le emissioni di CO₂ e di rumore nel prossimo decennio.

I ricavi nell'anno fiscale 21 sono diminuiti dell'81% a 1.64 miliardi di euro, in linea con il calo del traffico aereo, raggiungendo solo 27.5 milioni di euro da 149 milioni di euro - davanti a Covid-19. I ricavi ausiliari hanno avuto una performance solida, poiché diversi clienti hanno scelto l'imbarco prioritario e posti riservati, con un conseguente aumento dell'11% della spesa per passeggero, fino a quasi 22 euro / passeggero. La performance dei costi è diminuita del 66%. A causa di una riduzione dell'81% del traffico e dei ritardi nella consegna degli aeromobili, il gruppo ha registrato una commissione di inefficienza di 200 milioni di euro per coprire carburante e valuta nell'anno fiscale 21.

I ricavi nell'anno fiscale 21 sono diminuiti dell'81% a 1.64 miliardi di euro, in linea con il calo del traffico aereo.

I team di sviluppo delle rotte continuano a lavorare con i partner aeroportuali di tutta Europa e negoziano costi inferiori, ricevono incentivi per il recupero del traffico e ampliano le offerte per far crescere aeroporti a basso costo, ad esempio estensioni a lungo termine delle offerte a Londra Stansted (fino al 2028), Milano Bergamo ( fino al 2028) e Bruxelles Charleroi (fino al 2030).

A dicembre, il gruppo ha aumentato l'ordine fisso per gli aeromobili B737-8200 da 135 a 210 aeromobili. È stato inoltre concordato con Boeing un ragionevole ed equo risarcimento per i ritardi nella consegna di questi aeromobili. Questi nuovi aerei hanno il 4% in più di sedili, consumano il 16% in meno di carburante e producono il 40% in meno di rumore. Ryanair spera di ricevere il primo Boeing 737 MAX 8200 entro la fine di maggio e spera di avere oltre 60 aerei di questo modello entro la fine di quest'anno.

Il bilancio rimane uno dei più solidi del settore, con un rating di credito BBB (S&P e Fitch) di 3.15 miliardi di euro, contanti, al 31 marzo e oltre l'85% della flotta B737 operativa. Da marzo 2020, il Gruppo RYANAIR ha ridotto il proprio consumo di liquidità ottimizzando i costi, tenendo conto dei regimi di sostegno retributivo creati dall'UE, l'annullamento dei riacquisti di azioni e il rinvio del cap non essenziale.

Nell'ultimo anno, RYANAIR ha raccolto circa € 1.95 miliardi di nuovi finanziamenti (inclusi € 400 milioni in azioni, € 850 milioni in obbligazioni e £ 600 milioni in CCFF) e la liquidità è stata incrementata dai rimborsi dei fornitori durante l'anno. Questa forza finanziaria ha permesso di capitalizzare le numerose opportunità di crescita che saranno disponibili dopo la pandemia.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati dei tuoi commenti.