Sette Stati membri dell'UE hanno già iniziato a utilizzare il "Certificato digitale UE COVID"

0 580

Il 1° giugno è entrato in funzione il sistema dell'Unione Europea, responsabile della verifica delle caratteristiche di sicurezza contenute nei codici QR di tutti i certificati digitali COVID dell'UE. Sette Stati membri dell'UE hanno già iniziato a utilizzare il passaporto digitale, un mese prima della scadenza per l'attuazione "Certificato digitale EU COVID".

Dal 1° giugno Bulgaria, Repubblica Ceca, Danimarca, Germania, Grecia, Croazia e Polonia si sono già collegate al sistema e hanno iniziato a rilasciare i primi certificati di viaggio UE COVID-19, mentre alcuni Paesi hanno deciso di connettersi all'UE. sistema solo quando tutte le funzioni a livello europeo saranno implementate.

Sette Stati membri dell'UE hanno già iniziato a utilizzare il "Certificato digitale UE COVID".

Secondo un comunicato stampa della Commissione UE su questa fase, diversi paesi aderiranno al sistema nei prossimi giorni e settimane. Il 10 maggio, 22 paesi - compresa la Romania - hanno testato con successo il sistema informatico che facilita la generazione Certificati digitali COVID UE, la trasmissione di caratteristiche di sicurezza che consentono la verifica, la centralizzazione nel gateway europeo e la convalida dei codici QR da parte di altri Stati membri dell'Unione europea.

Sette stati-hanno-iniziato-a-usare-Certificate-1

Il regolamento entrerà in vigore dal 1° luglio. Fino ad allora, l'accordo politico del 20 maggio deve essere formalmente adottato dal Parlamento europeo e dal Consiglio. Dopo l'entrata in vigore del regolamento, ci sarà un periodo di introduzione graduale di sei settimane, durante il quale gli Stati membri, che necessitano di ulteriore tempo, inizieranno a rilasciare i certificati. Allo stesso tempo, la Commissione fornirà sostegno tecnico e finanziario agli Stati membri a tale riguardo.

Il commissario per la salute e la sicurezza Stella Kyriakides, d'altro canto, ha insistito sull'importanza che gli Stati membri istituiscano sistemi nazionali nelle prossime settimane in modo che il sistema possa essere pienamente operativo in tempo per la stagione estiva.

La Commissione europea ha avuto l'idea di creare il certificato digitale COVID dell'UE per facilitare la libera circolazione sicura dei cittadini nell'UE durante la pandemia di COVID-19. L'idea è stata presentata il 17 marzo, dopo di che, quel giorno, la Commissione ha lavorato a stretto contatto con gli Stati membri per creare un passaporto digitale che sarebbe stato accettato da tutti i paesi.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.