fbpx I sindacati TAROM chiedono le dimissioni del Consiglio di amministrazione

I sindacati TAROM chiedono le dimissioni del Consiglio di amministrazione

1 267
Aereo in ritardo? Il volo è stato cancellato? >>Richiedi un risarcimento ora<< per volo in ritardo o cancellato. Puoi avere diritto fino a € 600.

TAROM, il vettore aereo della Romania, è diventato come una pallina da ping pong nello scandalo tra i membri del Consiglio di amministrazione guidato da Dan Pascariu e la dirigenza privata direttamente di fronte a Christian Heinzmann.

Questa battaglia non fa nulla di buono, distrugge solo ciò che è stato costruito negli ultimi mesi di 6. Christian Heinzmann, CEO privato di TAROM, ha svolto il suo lavoro ben oltre le aspettative, nonostante le accuse avanzate da vari membri della CA. Lucian Isar, un ex membro della CA, lo scrive sul suo blog TAROM è in profitto da maggio. Quindi, come può un uomo essere accusato di incompetenza quando porta l'azienda a profitto? Inoltre, il piano dovrebbe essere implementato negli anni 4, non nei mesi 6.

Per diversi giorni, i sindacati TAROM hanno preso una posizione e chiedono le dimissioni del Consiglio di amministrazione. Desidero istituire una commissione d'inchiesta del Corpo di controllo del Primo Ministro al fine di verificare gli abusi della gestione amministrativa ed esecutiva, ma anche di rilevare l'immagine e i possibili danni economici causati dalle recenti dichiarazioni della leadership della CA, attraverso la voce del suo presidente, Dan Pascariu.

Durante una conferenza stampa, che ha avuto luogo oggi - 18.07.2013, il segretario generale dell'Unione tecnica nazionale TAROM (SNTT), Aurel Curdov, ha dichiarato:

"Noi, i sindacati di TAROM, siamo stanchi del litigio e del fatto che non ci sia accordo ai vertici dell'azienda. In pratica, il Consiglio di amministrazione interferisce in tutte le decisioni che assume sul direttore generale Christian Heinzmann. Posso darti innumerevoli esempi. L'azienda opera in virtù dell'inerzia, perché litigano continuamente. La loro rapidità - perché la prima cosa che hanno fatto è stata prendere i biglietti aerei gratuiti e alla fine dell'anno scorso hanno offerto dei bonus per ciò che non hanno fatto, ma i dipendenti dell'azienda. Il signor Heinzmann, a quanto mi risulta, ha interrotto questi bonus, che sono stati trasferiti l'anno successivo. Cioè, alla fine di quest'anno dovrebbero prendere questo bonus di oltre 10.000 euro ciascuno ".

“I sindacati di TAROM notano con disappunto che qualsiasi apparizione del management di CA TAROM nei media non fa altro che recare ripetuti e gravi danni all'immagine dell'azienda, che probabilmente influenzerà la reputazione dei suoi dipendenti e vanificherà i loro sforzi, supportati da un forte ambiente competitivo. ed estremamente difficile sia a livello nazionale che internazionale mantenere l'azienda su una traiettoria ascendente in termini di qualità dei servizi forniti ai passeggeri ".

, hanno detto i sindacalisti.

I sindacalisti apprezzano anche che Dan Pascariu abusi della sua posizione e si permetta "in modo ingiustificato e provocatorio" di ignorare e umiliare i dipendenti dell'azienda ad ogni intervento pubblico, dimostrando, secondo loro, una mancanza di coerenza e argomentazioni nelle interviste.

Inoltre, i sindacati accusano i membri del Consiglio di amministrazione di essere preoccupati di garantire i propri redditi e benefici, dimostrando una mancanza di reale interesse a stabilire un clima di serietà, professionalità, correttezza e fiducia nei propri valori, nominando posizioni chiave. di persone senza una formazione approfondita ed esperienza nel settore.

La preoccupazione "ossessiva" dell'Ac per le ristrutturazioni è anche un argomento su cui i sindacalisti lanciano l'allarme, visto che, dicono, "la gente viene da fuori".

"Vengono con persone dall'esterno, in realtà li paracadutano in questa compagnia. Abbiamo persone in azienda che potrebbero ricoprire queste posizioni e sono mantenute con salari miserabili. Hanno l'istruzione e la formazione necessarie. Forse è necessaria una ristrutturazione. Sono stati introdotti i registi ... gli altri non sono cambiati, si sono sovrapposti agli altri. Abbiamo creato una filiale per licenziare un direttore perché dava fastidio ai membri del consiglio, dopo un po 'lo abbiamo creato e abbiamo portato qualcuno da fuori e gli abbiamo dato più soldi dei vecchi amministratori. Inseriamo un direttore della comunicazione, introduciamo capi di staff e stipendi più alti degli altri, e suddividiamo in tre il dipartimento finanziario, per fare spazio ad altri dall'esterno. Ed è imbarazzante per l'AC venire a proporre ristrutturazioni e licenziare le persone! Accettiamo qualsiasi opzione, ma discutiamone e prendiamo prima la loro, che hanno portato ",

ha affermato il presidente del sindacato di sfruttamento tecnico dell'aeromobile, Cristian Voinea.

Per quanto riguarda le spese per il personale, i sindacati affermano che rappresentano solo il 18% del budget della compagnia, visto che per gli altri vettori aerei sono il 25-30%. Secondo i rappresentanti sindacali, il nuovo piano pensionistico è rivolto ai dipendenti meno retribuiti, lasciando ai dipendenti più retribuiti gli stessi benefici di prima.

Un altro problema è la mancanza di comunicazione con i sindacati.

"Siamo a luglio e non sono ancora stato a nessuna riunione del Consiglio. La nostra sola presenza avrebbe potuto migliorare le cose oppure avremmo potuto dare l'allarme, perché saliamo sugli aerei, voliamo con loro, li ripariamo, siamo tra i passeggeri e siamo i primi a poter portare segnali positivi o negativi riguardo cosa succede in azienda (…) Non siamo mai stati loro partner. Credono che un piano di gestione possa essere implementato negli uffici da sei persone. Non esiste un canale di comunicazione tra la CA e noi. A dire il vero, l'altro ieri e ieri siamo stati invitati dal Consiglio di amministrazione a una discussione sul piano di gestione e sulla strategia di sviluppo dell'azienda, ma in assenza del direttore generale Christian Heinzmann. Trovo aberrante discutere una questione così importante solo con CA. Quindi, il piano di gestione non ci è stato fornito, ma solo uno schizzo di esso "

, ha mostrato, a sua volta, il presidente dell'Unione dei piloti rumeni, Ottaviano Iosif.
(Fonte: agerpres)

Pochi giorni fa, sulla pagina facebook "Salva TAROM"È apparso il seguente comunicato stampa:

Il rappresentante e i sindacati uniti della società TAROM assumono un atteggiamento e lanciano una ferma e aperta protesta contro la posizione e le recenti dichiarazioni del Consiglio di amministrazione di TAROM (CA), attraverso la voce del presidente o, il sig. Dan Pascariu, su vari aspetti riguardanti la gestione, l'organizzazione e l'attività dell'operatore. aerea nazionale.
Sindacati TAROM:
• osserva con disappunto che qualsiasi apparizione della dirigenza di CA TAROM nei media non fa altro che recare ripetuti e gravi danni all'immagine dell'azienda, rischiando di influenzare la reputazione dei suoi dipendenti e vanificare i loro sforzi - sostenuti in un ambiente forte ed estremamente competitivo difficile sia internamente che internazionalmente - mantenere l'azienda su una traiettoria ascendente in termini di qualità dei servizi offerti ai passeggeri;
• apprezza il fatto che Pascariu abusi della sua posizione e si permetta ingiustamente e con aria di sfida di ignorare e umiliare gli ordini del giorno di ogni intervento pubblico, dimostrando una mancanza di coerenza e argomenti nelle interviste rilasciate, i sindacati considerano tutto ciò indegno di un alto rappresentante e fattore decisionale di un'azienda con reputazione TAROM;
• Maschera e accusa apertamente e con fermezza:
o la rapidità dei membri del consiglio di amministrazione, focalizzata principalmente sulla garanzia del proprio reddito e benefici;
una mancanza di reale interesse dell'AC per stabilire un clima di serietà, professionalità, equità e fiducia nei propri valori attraverso appuntamenti in posizioni chiave di persone senza una formazione ed esperienza approfondite in un campo così particolare;
una preoccupazione ossessiva della CA per la ristrutturazione (considerata fine a se stessa), comprendendo quindi esclusivamente i licenziamenti, senza comunicare in modo trasparente la visione e la strategia previste per il rilancio dell'azienda, sebbene la spesa con il personale rappresenti solo il 18% del budget società;
o l'incremento ingiustificato totale delle spese relative alla costituzione di nuove posizioni di gestione, mentre, a livello dichiarativo, vi è l'intenzione di ristrutturazione;

• ha affermato con responsabilità e fermezza, per conto dei dipendenti TAROM, che non rinunceranno a combattere per salvare l'azienda e il marchio TAROM, un marchio rinomato, costruito nel tempo e con l'investimento di molti sforzi da parte dei dipendenti.
Nel contesto sopra presentato, i sindacati lo considerano appropriato e necessario:
assumersi la reale responsabilità del Consiglio di Amministrazione in merito ai ripetuti e riconosciuti errori in merito alle decisioni prese nell'ambito dell'attuazione del programma di gestione, programma considerato “esperimento” dal Presidente del Consiglio di Amministrazione, attraverso le dimissioni collettive e immediate del Consiglio di Amministrazione di TAROM;
chiede l'istituzione di una commissione d'inchiesta da parte dell'organismo di controllo del primo ministro al fine di verificare gli abusi della gestione amministrativa ed esecutiva di TAROM.

MESSAGGIO PER I PASSEGGERI DELLA SOCIETÀ TAROM
I sindacati di TAROM, esprimendo la volontà dei rappresentanti dei dipendenti dell'azienda, assicurano con tutta la responsabilità del passeggero TAROM che:
continuerà a compiere ogni sforzo per soddisfare gli standard di sicurezza di volo e qualità dei servizi offerti
TAROM ha specialisti con una grande esperienza in tutte le aree di attività, che possono rispondere a tutte le sfide e faranno in modo che non smettano di combattere perché TAROM continua a portare con orgoglio la bandiera della Romania nel mondo.
Il nostro messaggio per te:
Continua a fidarti di noi: ti promettiamo di non deluderti.

IL TAROM DELL'UNIONE RAPPRESENTATIVA

Nell'autunno del 2012, ho scritto un articolo sulla rivista ANAT dal titolo "TAROM, sbotta!". L'argomento principale era TAROM e la situazione in cui si trovava in quel momento. In quelle righe ho accennato al fatto che sostengo il passaggio alla gestione privata, ma con la menzione che l'intero processo dovrebbe essere depoliticizzato. Non ho cambiato idea. Sostengo l'onorevole Christian Heinzmann e sono fiducioso che solo queste persone avranno il potere di portare TAROM sulla linea di galleggiamento. Sono stanco degli interessi politici, degli interessi nascosti e delle bugie raccontate da alcuni membri del Consiglio.

TAROM, sbotta!

Commento 1
  1. […] Non dimentichiamo che i sindacati TAROM chiedono le dimissioni del Consiglio di amministrazione. [...]

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati dei tuoi commenti.