fbpx Transito in Europa e misure adottate da ogni paese

Transito in Europa e misure adottate da ogni paese

0 36.957
Aereo in ritardo? Il volo è stato cancellato? >>Richiedi un risarcimento ora<< per volo in ritardo o cancellato. Puoi avere diritto fino a € 600.

Viviamo in tempi incerti a causa della pandemia COVID-19. L'onda 2 colpisce duramente l'Europa e tutto il resto diversi paesi stanno adottando misure restrittive nella speranza che riescano a fermare la diffusione del nuovo coronavirus. Alcune misure hanno senso, altre sembrano inutili.

Ad esempio, i paesi dell'UE hanno deciso di non chiudere i confini o limitare i voli. Invece, hanno sempre più limitato i viaggi delle persone e scoraggiato viaggi e turismo non essenziali. E queste regole porteranno alla cancellazione dei voli per mancanza di passeggeri.

E poi le persone ricorrono a viaggi terrestri con auto, pullman o treni personali. Riceviamo molte domande dall'estero su come possono arrivare in Romania e, soprattutto, sul transito attraverso l'Europa. Di seguito troverai alcune informazioni essenziali sul transito nei paesi europei.

Transito in Europa

Austria

Se consente il transito permanente, senza fermarsi, di cittadini rumeni sul territorio dell'Austria verso destinazioni in altri paesi. Possono essere richiesti documenti giustificativi alla frontiera per garantire l'ingresso nel paese di destinazione: domicilio / residenza / diritto di soggiorno / contratto di lavoro / qualsiasi altra prova della necessità di ingresso, ad esempio certificato di cure mediche obbligatorie richieste, studi, ecc. ., oltre a compilare una dichiarazione di entrata e di transito - le dichiarazioni possono essere scaricate da qui şi qui.

Su strada: Si consiglia di acquistare un adesivo comprovante il pagamento del pedaggio prima di entrare in Austria o alla prima stazione di rifornimento (subito dopo aver attraversato il confine). Come indicato sul retro, l'adesivo deve essere apposto sul parabrezza. Il mancato rispetto di tale obbligo sarà punito con una multa.

Bosnia şi Herţegovina

Tutti i cittadini stranieri, compresi i rumeni, possono entrare in Bosnia ed Erzegovina a condizione che presentino un test COVID-19 negativo, eseguito nelle ultime 48 ore prima dell'ingresso in Bosnia ed Erzegovina.

Il regime di transito rimane invariato, non è necessario presentare il test medico richiesto in caso di soggiorno. Tuttavia, i cittadini rumeni possono transitare in Bosnia ed Erzegovina solo allo scopo di tornare in Romania / Stato di residenza e purché non pernottino / pernottino nel territorio della Bosnia ed Erzegovina. Il transito a fini turistici è consentito solo nel corridoio di Neum (Croazia-Bosnia ed Erzegovina-Croazia).

Tutte le limitazioni al traffico per i trasportatori di merci professionali sono state revocate. Resta in vigore l'obbligo di utilizzare il passaporto, non la carta d'identità, come documento di viaggio.

Bulgaria

Non vi è alcun divieto di ingresso nel territorio della Bulgaria per i cittadini rumeni che transitano nel territorio della Repubblica di Bulgaria (indipendentemente dalla destinazione).

Cehia

Tutte le persone, compresi i cittadini rumeni, in transito nella Repubblica Ceca sono esentate dall'obbligo di compilare il modulo online e dal test per l'infezione da SARS-CoV-2, a condizione che la durata del transito non superi le 12 ore.

Cittadini rumeni che si trasferiscono in Romania da paesi considerati dalla Repubblica Ceca ad alto rischio:

- per via aerea: non hanno alcun obbligo, purché non escano dalla zona di transito aeroportuale; 
- via terra: se il periodo di transito è di massimo 12 ore, non è soggetto ad alcun condizionamento o obbligo per i cittadini rumeni.

Croația

Il transito attraverso il territorio della Repubblica di Croazia è consentito alle seguenti condizioni:

- la durata del transito non supera le 12 ore;
- senza fermate intermedie non strettamente necessarie;
- le persone in transito in Croazia sono obbligate a viaggiare solo in autostrada;
- presentazione di un documento che dimostri in modo inequivocabile lo scopo del viaggio e il Paese di destinazione, assicurando rispettivamente l'ingresso nel territorio dello Stato confinante della Repubblica di Croazia, sulla rotta di transito verso il Paese di destinazione.

Il transito a scopo turistico del Corridoio di Neum (Croazia - Bosnia ed Erzegovina - Croazia) è consentito senza sosta.

Danemarca

Le persone in transito (per giusta causa o per motivi turistici in un paese diverso dalla Danimarca, indipendentemente dal mezzo di trasporto) non sono tenute a presentare un test molecolare negativo per l'infezione da COVID-19.

Italia

Le persone che entrano in Italia per motivi di transito per un massimo di 36 ore con mezzi di trasporto privati ​​sono tenute a lasciare il territorio italiano fino alla scadenza del termine. In caso contrario, hanno l'obbligo di sottostare a misure di autoisolamento e sorveglianza sanitaria;

In caso di ingresso in Italia per via aerea, è consentito proseguire il viaggio con un altro mezzo di trasporto aereo fino alla destinazione finale indicata nella dichiarazione, purché non si esca dalle aree appositamente predisposte all'interno degli aeroporti.

I passeggeri delle navi da crociera che sbarcano in Italia al termine della crociera possono rientrare nel proprio Paese (a spese dell'armatore);

Quando si sale a bordo di un aereo / nave diretto in Italia, è necessario compilare una dichiarazione sotto la propria responsabilità (modulo modello MAE), specificando chiaramente che sei in transito verso casa tua in un paese diverso dall'Italia. Se si verificano sintomi del virus Covid-19, è necessario informare immediatamente le autorità sanitarie locali competenti per telefono e seguire le loro istruzioni.

Germania

Il semplice transito del territorio tedesco non è condizionato. Il transito prevede l'uscita dal territorio tedesco il più direttamente possibile, evitando ogni stretto contatto con altre persone e osservando specifiche misure di protezione: allontanamento sociale, igiene, mascherina, ecc.

Sono ammesse soste brevi per l'acquisto di cibo o carburante, ma non quelle di tipo turistico o lavorativo, visite, alloggio, conclusione di contratti, ecc.

In caso di mancato rispetto degli obblighi di prova, rispetto della misura di autoisolamento o delle condizioni di transito, le autorità tedesche possono imporre sanzioni fino a 25.000 EUR.

Estonia

Il personale delle rappresentanze diplomatiche o consolari estoni, i loro familiari o un cittadino straniero che arriva in Estonia per motivi di cooperazione militare internazionale sono esentati dall'autoisolamento per 14 giorni, fatta salva l'assenza di sintomi specifici.

Fanno eccezione al divieto di ingresso nel territorio dell'Estonia i vettori internazionali di merci, cibo e forniture mediche, nonché le persone che forniscono servizi vitali, come fornitori di carburante, titolari di permesso di soggiorno / i loro familiari / personale diplomatico, se non ha sintomi di COVID-19.

L'ingresso in Estonia è ancora consentito a: (1) persone impegnate nel trasporto internazionale di merci e passeggeri; (2) membri dell'equipaggio che servono mezzi di trasporto internazionali; (3) persone che effettuano operazioni di manutenzione o riparazione sui mezzi di trasporto; (4) persone che lavorano nel settore IT e delle comunicazioni, comprese quelle che svolgono lavori di manutenzione o riparazione su dispositivi e apparecchiature in questi settori.

I cittadini stranieri riceveranno il permesso di transito in Estonia nel loro viaggio verso il loro paese di origine solo se non mostrano sintomi di COVID-19.

Albania

I cittadini rumeni possono viaggiare tra l'Albania e la Romania, via terra, in transito nella Macedonia settentrionale, in Serbia e in Bulgaria. Secondo le decisioni prese dal governo greco, il confine terrestre tra l'Albania e la Repubblica ellenica è aperto solo ai valichi di Kakavija e Kapshtica.

La circolazione dei veicoli merci avviene normalmente, sia all'ingresso che all'uscita della Repubblica d'Albania; i camionisti devono compilare un modulo online.

I valichi di confine di Tre Urat a Përmet e Qafë Botë a Saranda sono chiusi dal lato greco. Il transito non è consentito attraverso questi punti.

Elveția

I controlli alle frontiere della Svizzera con i paesi Schengen sono stati revocati il ​​15 giugno 2020 e la piena libertà di circolazione si applica nuovamente alle persone di tutti i paesi dell'UE / AELS e del Regno Unito.

In aggiornamento…

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati dei tuoi commenti.