Vaccinazione prima del viaggio - Consulta l'elenco dei paesi in cui puoi viaggiare solo se sei vaccinato preventivamente per alcune malattie!

0 1.810

Siamo appassionati di viaggi e vogliamo esplorare il maggior numero possibile di paesi, regioni e territori da tutto il mondo. Abbiamo centinaia di voli nel nostro portafoglio e altrettante destinazioni visitate. La maggior parte proviene dall'Europa, ma abbiamo nel nostro portafoglio viaggi in altri continenti.

Vaccinazione prima del viaggio

A seconda del paese di destinazione, mi sono sempre chiesto se esistono determinati rischi per la salute e come si possono combattere. Siamo europei e abbiamo determinati standard di salute, pulizia, cibo. Con il cambiamento del continente possono verificarsi disturbi nel corpo di tutti per esperienza culinaria, per clima, per batteri che non troviamo in Europa e per tanti altri fattori esterni e indipendenti da noi. Ovviamente ogni corpo reagisce in modo diverso e il 99% di tutti è felice e gode di una vacanza e di un'esperienza.

Ma ci sono anche paesi in cui possiamo viaggiare solo se ci viene somministrato un determinato trattamento farmacologico o un vaccino (o più).

Vaccinazione prima del viaggio per il virus della poliomielite (raccomandazione)

Secondo l'Organizzazione mondiale della sanità, esiste il pericolo di diffusione del virus della poliomielite. Per chi viaggia da e per Afghanistan, Pakistan, Malesia, Filippine e Yemene che non sono stati vaccinati contro la poliomielite negli ultimi 12 mesi, si raccomanda la vaccinazione ed è svolto in base al rischio nell'area di viaggio, alla durata del soggiorno, alle attività svolte.

La vaccinazione avverrà 4 settimane prima del viaggio o, in caso di emergenza, anche prima, verrà notificata sul certificato di vaccinazione internazionale - formato OMS secondo IHR 2005 e accompagnerà gli altri documenti di viaggio.

Esiste la possibilità che al confine (aereo, stradale, navale) di questi paesi ti vengano richiesti i documenti attestanti la vaccinazione antipolio, soprattutto in caso di soggiorno prolungato in questi paesi (più di 4 settimane).

Per chi viaggia da e per Angola, Benin, Burkina Faso, Camerun, Repubblica Centrafricana, Ciad, Costa d'Avorio, Repubblica Democratica del Congo, Repubblica del Congo, Egitto, Etiopia, Ghana, Guinea, Iran, Liberia, Malesia, Mali, Niger, Nigeria, Sierra Leone, Somalia, Sudan, Sud Sudan, Tagikistan e Togo e non hanno prove di vaccinazione nell'ultimo anno nel certificato di vaccinazione internazionale - formato OMS secondo IHR 2005, si raccomanda la vaccinazione contro la poliomielite.

Vaccinazione prima del viaggio per la difterite (raccomandazione)

Si raccomanda che i cittadini rumeni che viaggiano in Ucraina siano vaccinati contro la difterite. Per i cittadini che non sono stati vaccinati contro la difterite negli ultimi 10 anni, la vaccinazione verrà somministrata 4 settimane prima del viaggio o, in caso di emergenza, anche prima.

Questa raccomandazione si basa sul fatto che in Ucraina i casi di difterite sono stati confermati nel 2019, come indicato nelle informazioni pubblicate sul sito web del Ministero della Salute dell'Ucraina e sul sito web del governo ucraino. Questi rapporti mostrano che sono stati identificati casi di difterite nelle regioni di Zakarpattia e Chernivetsika con le quali le contee della Romania settentrionale hanno confini comuni.

Vaccinazione prima del viaggio per la febbre gialla (obbligatoria)

La febbre gialla è una malattia virale trasmessa dalle punture di zanzara, specie Aedes o Haemagogus spp. Louis e il virus dell'encefalite giapponese.

I principali serbatoi del virus sono i primati non umani (scimmie) e gli esseri umani infetti (uomo infetto - zanzara - essere umano sano). Non esiste un trattamento antivirale specifico. Il trattamento di supporto in ospedale migliora i tassi di sopravvivenza. Ma ci sono metodi di prevenzione. Prima di tutto, si consiglia di prendere tutte le misure contro le punture di zanzara. In secondo luogo, ci sono aree, territori e paesi che richiedono la vaccinazione contro la febbre gialla. Per definizione, la vaccinazione è un'azione preventiva.

L'OMS e il CDC raccomandano la vaccinazione di tutti coloro che vivono o viaggiano in aree a rischio di trasmissione di VFG

L'OMS e il CDC raccomandano di vaccinare tutti coloro che vivono o viaggiano in aree a rischio di trasmissione di VFG in Africa e Sud America. Se hai intenzione di viaggiare in paesi come Benin, Burkina Faso, Ghana, Guyana, Camerun, Congo, Liberia, Mali, Nigeria, Repubblica Centrafricana, Ruanda, Senegal, Togo, Costa d'Avorio, Zaire, Kenya, Etiopia, Colombia, Panama o Il Brasile è buono per ottenere il tuo vaccino.

Le persone infettate da VFG sviluppano alti livelli di viremia e possono trasmettere il virus della zanzara poco prima dell'inizio della febbre e nei primi 3-5 giorni di malattia. A causa dell'alto livello di viremia, può verificarsi trasmissione attraverso sangue, trasfusioni o aghi. Un caso di trasmissione perinatale della VFG wild-type è stato documentato in una donna che ha sviluppato la febbre gialla tre giorni prima della nascita. Il bambino risultato positivo per VFG è morto di febbre gialla il 12 ° giorno dopo la nascita.

Ricorda / Conclusioni

  • la vaccinazione dovrebbe essere preferibilmente effettuata 6-8 settimane prima della partenza e almeno 4 settimane prima del viaggio;
  • dovresti vaccinarti soprattutto se hai programmato gite in campagna, nella foresta o in luoghi dove hai un contatto diretto con la natura;
  • Secondo gli standard internazionali, la vaccinazione contro la febbre gialla è obbligatoria. Se non dimostri la vaccinazione con un documento al confine di alcuni paesi, potresti non essere autorizzato ad entrare;
  • Le modalità di vaccinazione nei diversi paesi cambiano spesso, quindi prima di andare all'estero dovresti controllare le informazioni sulle vaccinazioni obbligatorie e consigliate.

In conclusione, a seconda del continente e del paese di destinazione, controlla se hai bisogno di una protezione preventiva dai farmaci contro malattie come febbre gialla, epatite A / B, tetano e difterite, febbre tifoide, poliomielite, infezione da meningococco, rabbia. Il fatto che il viaggio dei vaccinati contro il nuovo coronavirus sia ora facilitato NON deve essere considerato un'azione discriminatoria, ma preventiva, come in tutti i casi sopra citati.

Puoi trovarlo sul sito web del CNSCBT suggerimenti per i viaggiatori!

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati dei tuoi commenti.