I buoni vacanza stimolano il turismo in Romania

I buoni vacanza stimolano il turismo in Romania

Vacanze del valore di 10 milioni, acquistate, in 2016, con buoni vacanza!

0 661

Soggiorni in Romania acquistati l'anno scorso con buoni vacanza hanno totalizzato circa 10 milioni, un importo quasi quattro volte superiore a 2015 e sei volte superiore a 2014.

Per quest'anno Associazione nazionale delle agenzie di viaggio (ANAT) stimalo 38 volte l'importo, se i buoni vacanza 1.450 lei saranno concessi per ciascun budget.

In 2016 sono stati concessi 1,1 milioni di buoni vacanza, secondo le informazioni ricevute da ANAT dal Ministero delle finanze pubbliche, un numero di volte 3,5 superiore a 2015 e 5,5 più di due anni fa, quando sono state consegnate ai dipendenti dei buoni vacanza 207.000.

Buoni vacanze

L'importo di 10 milioni per le vacanze acquistate con buoni vacanza in 2016 ha contribuito in modo significativo alla crescita del turismo interno, ANAT che annuncia alla fine della stagione estiva un aumento delle vendite dell'15% attraverso le agenzie di viaggio.

“L'anno scorso i buoni vacanza sono stati concessi solo nel sistema privato, con le istituzioni pubbliche che ancora vietano questo incentivo salariale. Se da luglio 1 ogni budget riceverà buoni del valore di 1.450 lei e li userà quest'anno, il valore dell'anno scorso potrebbe aumentare i tempi di 38. Per l'industria del turismo ci saranno più soldi per investimenti nell'aumentare la qualità dei servizi ”, afferma Alin Burcea, Presidente ANAT.

La maggior parte dei buoni è stata utilizzata lo scorso anno per acquistare soggiorni nelle località balneari e nel Delta del Danubio, che ha registrato vendite più elevate con 18%, 12%, rispettivamente 20%, il Delta del Danubio è la rivelazione della stagione nelle preferenze dei turisti che trascorsero in media tre giorni di ferie.

“Al fine di stimolare la vendita da parte di buoni vacanza, ANAT sostiene l'eliminazione del massimale di 10% nel caso della commissione delle agenzie di viaggio, stipulata nella Legge sui buoni vacanza, una disposizione che non stimola la naturale concorrenza tra le agenzie. Le complicazioni tecniche per il rispetto di questo massimale nella catena di rivenditori rendono difficile effettuare pagamenti tramite buoni vacanza, in particolare per pacchetti pagati e in contanti, e buoni - il caso più comune ”, afferma il presidente ANAT.

I buoni vacanza sono stati introdotti sul mercato rumeno in 2009, ma la loro concessione è stata interrotta nel sistema pubblico dopo un anno, a causa della crisi economica, e da allora è limitata anno dopo anno dall'atto normativo. La legge è stata promossa per proteggere la salute dei dipendenti e prevede tasse ridotte per i datori di lavoro che offrono buoni ai propri dipendenti.

Un altro scopo della legge è l'aumento del turismo domestico, l'ultima variante dell'atto normativo, approvato in 2015, prevede la sostituzione dei bonus per le vacanze con i quali è possibile acquistare soggiorni esterni e che sono stati addebitati in modo simile allo stipendio per il datore di lavoro, con i buoni vacanza.

Foto copertina infotravelromania.ro

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati dei tuoi commenti.