80 turisti sono bloccati in un resort cinese a causa delle restrizioni COVID-000!

0 288

Circa 80.000 turisti sono bloccati nel resort di Sanya dopo che le autorità hanno scoperto un focolaio di COVID-19 e imposto un blocco, ha riferito l'Associated Press, citando BTA. Sanya, una città nel sud dell'isola di Hainan, è una popolare destinazione per il surf.

L'obiettivo era fermare la diffusione del coronavirus sull'isola tropicale di Hainan. Le restrizioni sono entrate in vigore dopo che sono stati confermati circa 500 casi di COVID-19. I servizi essenziali come supermercati e farmacie rimangono aperti, ma i luoghi di intrattenimento sono chiusi dalla scorsa settimana, riferisce l'agenzia di stampa AFP.

Il Partito Comunista Cinese al governo aderisce fermamente al principio della "tolleranza zero", che mette il Paese in contrasto con il resto del mondo. Un recente focolaio a Shanghai ha portato a un blocco di due mesi della città più grande della Cina, danneggiando gravemente l'economia del paese e bloccando milioni di persone a casa.

L'autorità ferroviaria di Sanya ha vietato la vendita di biglietti e tutti i voli sono stati cancellati. I turisti che desiderano lasciare Sanya devono essere risultati negativi ai cinque test PCR condotti entro sette giorni, hanno affermato le autorità.

Nel frattempo, gli hotel offriranno agli ospiti uno sconto del 50% per il periodo di quarantena, ha affermato un rappresentante dell'amministrazione comunale durante il briefing. La chiusura arriva al culmine della stagione turistica a Sanya, località nota per le sue spiagge.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.