I 9 castelli più belli della Romania.

0 1.899

Aereo in ritardo? Il volo è stato cancellato? >>Richiedi un risarcimento ora<< per il volo
ritardato o annullato! Puoi ottenere fino a 600€!

Nell'articolo di oggi parliamo della Romania e dei famosi castelli. Prima di viaggiare per il mondo, penso che sia meglio visitare il paese in cui viviamo. La Romania è stata benedetta da Dio e l'ha dotata di montagne, colline, acque correnti, apertura al mare, delta, paesaggi unici, luoghi meravigliosi di cui ti innamori come li vedi.

Purtroppo non si può dire lo stesso di chi amministra questo Paese e queste bellezze naturali. Altri darebbero qualsiasi cosa per avere tali ricchezze e noi li prendiamo in giro. Ma non siamo tristi! Ti invito a passeggiare per i castelli in Romania. Se non hai un tuo mezzo di trasporto e il treno non ti attrae, tu Consiglio questa compagnia di autonoleggio a Bucarest.

Il castello reale di Săvârșin, Arad

Di proprietà della famiglia reale restituita al re Mihai, il castello di Săvârșin fu costruito nel XVI secolo dalla nobile famiglia ungherese Forray. L'edificio fu distrutto durante la Rivoluzione del 1948 e ricostruito in stile neoclassico. Il castello, insieme alla tenuta Savârsin dove troviamo un lago e un parco di oltre 6 ettari, fu acquistato nel 1943 dal re Mihai. Nel 1948 questa zona fu confiscata dalle autorità, momento in cui l'edificio fu suddiviso in appartamenti residenziali. 

vuoto
Castello reale di Savarsin - https://en.wikipedia.org/

Dal 2001 è tornato di proprietà della famiglia reale. Dopo la restituzione, il re ha rinunciato ai vecchi mobili, i giardini sono stati ricostruiti in modo che sia il castello che i suoi dintorni assomiglino al 1943. Nel maggio 2007 sono iniziati i lavori di restauro che sono durati oltre 8 anni, fino a ottobre 2015. Si sono svolti secondo secondo un progetto iniziale dell'architetto della Casa Reale, Șerban Sturdza.

Castello di Bran, Brașov. 

Castello di Bran è uno dei castelli più conosciuti e visitati della Romania, vicino al Castello di Peles. Entrò nel circuito turistico come Castello di Dracula, sebbene Vlad Țepeș, il sovrano della Valacchia, non abbia mai vissuto a Bran. Inizialmente transitoria per scopi militari, dopo di che la fortezza subì modifiche e nel 1920 fu trasformata in castello dalla regina Maria.

Castello di Bran

Ha funzionato a lungo come "Museo di Stato", ma nel 2006 è stato restituito a Domenico d'Asburgo, legittimo erede. Il castello era stato donato alla famiglia Asburgica dalla regina Mary. Hanno ristrutturato il castello, restaurato e riaperto al pubblico, a partire dal 2009.

Castello di Peles, Sinaia.

Nel 1873 fu posata la prima pietra del castello di Peles, su iniziativa del re Carol I di Romania. Allo stesso tempo, il re decise che la città di Podu Neagului venisse ribattezzata Sinaia. I lavori sono stati diretti da tre architetti: Johannes Schultz, Carol Benesch e Karel Liman.

Castello di Peles

Dal 1914 al 1947 il castello fu utilizzato per visite ufficiali. Nel 1948 fu confiscato dai comunisti, che decisero di chiuderlo, e furono inventariati i beni patrimoniali. Parte della merce è stata trasferita al Museo d'Arte di Bucarest. Il castello è stato restituito al re Michele nel 2007 ed è rimasto aperto al pubblico per la visita.

Castello Cantacuzino, Busteni.

La prima pietra del castello fu posta nel 1901, sul sito di un vecchio casolare, appartenuto alla famiglia Cantacuzino. 10 anni dopo, la costruzione del castello fu completata, secondo i piani dell'architetto Grigore Cerchez. Il principe Gheorghe Grigore Cantacuzino, discendente degli imperatori bizantini Cantacuzino, era il più grande proprietario terriero della Romania, con uno status sociale simile a quello del re Carol I.

Castello di Cantacuzino

Al momento dell'inaugurazione del Castello di Cantacuzino, aveva tutte le moderne condizioni: elettricità, acqua corrente e telefonia. Nel 1948, il castello fu nazionalizzato e divenne un sanatorio della tubercolosi durante il comunismo. Durante questo periodo subì importanti cambiamenti, l'architettura venne modificata e le pitture distrutte. Fu solo nel 2004 che fu restituito ai discendenti della famiglia Cantacuzino, che lo vendettero, 4 anni dopo, ad una società straniera. Utilizzando fondi europei, l'azienda lo ha restaurato e riaperto al circuito turistico nel 2010.

Castello di Corvin, Hunedoara. 

Chiamato anche castello di Corvineşti o Huniazilor, la fortezza medievale di Hunedoara è uno dei monumenti più importanti dell'architettura gotica in Romania. Il castello fu costruito nel XV secolo da Ioan de Hunedoara. È considerato uno dei castelli più belli del mondo, essendo situato tra le "10 migliori destinazioni da favola in Europa".

Castello di Corvin

Negli ultimi anni il Castello Corvin di Hunedoara ha riscosso un ampio apprezzamento, soprattutto tra i turisti stranieri. Forse è perché lo era il luogo in cui sono stati girati molti spot pubblicitari e film che lo ha fatto conoscere a livello internazionale. Così, l'ex residenza di Iancu de Hunedoara è entrata in cima ai castelli più belli del mondo, accanto al Castello di Bran.

Fortezza di Făgăraș, Făgăraș.

La fortezza apparve per la prima volta nei documenti ufficiali nel 1455, ma la sua costruzione iniziò alla fine del XIV secolo, sul sito di un'antica fortificazione in legno e terra, del XII secolo. Tre secoli dopo, 4 torri angolari furono aggiunte alla fortezza per una migliore difesa, e nel secolo successivo Stefan Mailat, il voivodo della Transilvania tra il 1534-1540 e proprietario della fortezza tra il 1528-1541, trasformò la fortezza difensiva in un castello.

Dal XVII secolo la fortezza divenne la residenza di Mihai Viteazul, che la diede a sua moglie. I principi della Transilvania Gabriel Bethlem (1613-1629) e Gheorghe Racozi I (1630-1648) hanno dato la forma e le dimensioni della fortezza, così come la vediamo oggi.

Castello di Banffy, Cluj Napoca

Dal 2013 il castello è conosciuto come Castello elettrico, essendo la sede dell'omonimo festival musicale. Il castello fu incendiato e saccheggiato durante la guerra, trasformato durante il comunismo. Non è stato mantenuto, essendo utilizzato come magazzino per materiali da costruzione. Nel 1999, il castello è entrato nella "Lista dei 100 siti più a rischio di estinzione del mondo". Anni dopo, il principe Carlo di Gran Bretagna lo prese sotto le sue cure e sostenne il suo restauro.

L'architettura unica del castello, che combina diversi stili - barocco, rinascimentale, romanico e neogotico - è così spettacolare che è stato chiamato "Versailles della Transilvania", essendo noto come "il luogo più infestato della Romania". Si dice che i fantasmi siano gli spiriti di coloro che morirono durante la seconda guerra mondiale, quando l'edificio era un ospedale militare.

Castello di Bethlen Haller, Alba

Se il nome "Bethen Haller" non ti dice niente, allora "Jidvei" attirerà sicuramente la tua attenzione. Il castello è attualmente utilizzato dall'azienda vinicola Jidvei, il che significa che una visita al castello verrà accompagnata da una degustazione di vini. Il castello aveva una storia complicata, la sua proprietà passava da un sovrano all'altro.

Il re Mattia Corvino donò il castello al voivodo della Transilvania Pongrácz János. Dopo la morte di János, il castello entrò in possesso di Stefano il Grande di Moldavia come feudo. Successivamente, dopo la morte di Stefan, il castello entrò in possesso di suo figlio, Bogdan Voda. Anni dopo, per decisione della Dieta, Petru Rareș, sostenitore del re Ferdinando I, perse il castello nel 1538 e nel 1565 verrà distrutto.

Nel 1622, il fratello minore di Bethlen Gábor, Bethlen István, ordinò la costruzione del castello rettangolare che possiamo ammirare oggi, con torri angolari cilindriche sul sito di un antico palazzo. Secondo diversi proprietari, il castello fu acquistato nel 1758 da Bethlen Gábor dal Tesoro. In cambio, nel 1764, il castello divenne proprietà del fratello di Gábor, Miklós, che costruì una nuova scala, distrusse le mura della città e ordinò l'aggiunta di una cappella, scuderie e un cancello (che fu distrutto nel 1972). Nel 1884, la tenuta divenne proprietà del conte Haller Jenő, che vinse il castello a una partita a carte. Nelle battaglie del 1944, le mura del castello furono danneggiate e il castello divenne un granaio e un edificio per uffici negli anni '50.

Negli anni '70, l'edificio fu acquistato dalla fabbrica Jidva e operò come reparto champagne all'interno della IAS Jidva. Dopo il 1989, il castello fu rivendicato e restituito alla famiglia Haller, dalla quale fu acquistato dalla famiglia Necşulescu. Attraverso un ampio processo di restauro, che mirava a rimuovere gli interventi precedenti ed evidenziare l'architettura originale e la semplicità degli spazi, la famiglia Necșulescu ha riportato alla luce il castello, trasformandolo in un prezioso simbolo di Jidva.

Castello Iulia Hasdeu, Campina

Castello "Iulia Hasdeu" è un capriccio architettonico a forma di castello, costruito tra il 1894 e il 1896, per commemorare Iulia Hasdeu, figlia di Bogdan Petriceicu Hasdeu. Morì all'età di 18 anni di tubercolosi. La giovane donna era considerata un genio, essendo la prima rumena a diplomarsi alla Sorbona di Parigi.

Il primo schizzo del castello, disegnato dallo stesso Bogdan Petriceicu Hasdeu, può essere trovato su un foglio di un manoscritto spiritualista risalente al 3 settembre 1893. I visitatori che attraversano il museo possono ammirare ritratti, oggetti della famiglia Hasdeu, fotografie e documenti originali, mobili antichi ., manoscritti e collezioni, edizioni princeps dei libri dello studioso, nonché dipinti firmati da famosi pittori come Nicolae Grigorescu o Diogene Maillart. Anche le preoccupazioni spirituali di BPHasdeu sono importanti.

Spero che questo articolo ti sia piaciuto e ho instillato in te la voglia di viaggiare.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati dei tuoi commenti.