Lo stato di allerta in Romania è stato prorogato di altri 30 giorni. Non funziona dalle 22:00 alle 05:00.

0 3.616

Con decisione n. 16 del 10 marzo 2021 della CNSU, lo stato di allerta in Romania è stato prorogato di altri 30 giorni. Allo stesso tempo, sono state estese le misure necessarie che verranno applicate per combattere gli effetti della pandemia COVID-19. Lo stato di allerta e le misure di prevenzione e controllo saranno in vigore, a seguito dello stato attuale, dal 14 marzo 2020.

Il divieto di circolazione notturno sarà mantenuto dalle 22:00 alle 05:00

Con l'estensione dello stato di allerta, si propone di mantenere il divieto di circolazione in tutte le località, per tutte le persone, fuori casa / nucleo familiare tra le ore 22: 00-05: 00, con le seguenti eccezioni motivate da:

  • a) viaggi di interesse professionale, anche tra casa / famiglia e luogo / luoghi di attività professionale e ritorno;
  • b) viaggi per assistenza medica non posticipabile o effettuabile a distanza, nonché per acquisto di medicinali;
  • c) viaggiare fuori dalle località di persone che sono in transito o che effettuano viaggi il cui intervallo di tempo si sovrappone al periodo di divieto, come quelli effettuati in aereo, treno, autobus o altro mezzo di trasporto passeggeri e che possono essere provati con biglietto o altro modalità di pagamento del viaggio;
  • d) viaggiare per giustificati motivi, come prendersi cura / accompagnare il bambino, assistere gli anziani, i malati o i disabili o il decesso di un familiare.

Al momento della verifica del motivo del viaggio per interesse professionale, previsto al punto 26 lett. a), le persone sono obbligate a presentare, su richiesta del personale delle autorità competenti, la carta dei servizi o il certificato rilasciato dal datore di lavoro o una dichiarazione sotto la propria responsabilità.

Nella verifica del motivo del viaggio nell'interesse personale, previsto al punto 26 lett. b) -d), i soggetti sono tenuti a presentare, su richiesta del personale delle Autorità competenti, una dichiarazione sotto la propria responsabilità, preventivamente compilata.

La dichiarazione sotto la propria responsabilità, prevista ai punti 27 e 28, deve contenere nome e cognome, data di nascita, indirizzo dell'abitazione / nucleo familiare / luogo di attività professionale, motivo del viaggio, data di conclusione e firma.

Si propone agli operatori economici che svolgono attività / servizi commerciali in spazi chiusi e / o aperti, pubblici e / o privati, di organizzare e svolgere la propria attività nell'intervallo di tempo 05: 00-21: 00.

Mantenere l'attività di ristoranti e bar all'interno di hotel, pensioni o altre unità ricettive, senza superare il 50% della capienza massima

Anche nel turismo abbiamo la seguente proposta. Si propone di mantenere l'attività di ristoranti e bar all'interno di hotel, pensioni o altre unità ricettive, senza superare il 50% della capienza massima dello spazio e solo tra le 06:00 e le 22:00, nelle contee / località dove il l'incidenza cumulativa dei casi negli ultimi 14 giorni è inferiore o uguale a 1,5 / 1.000 abitanti, non superiore al 30% della capienza massima dello spazio e solo nell'intervallo temporale 06: 00-22: 00 se l'incidenza accumulata nel ultimi 14 giorni di casi nella contea / località è maggiore di 1,5 e minore o uguale a 3 / 1.000 abitanti e solo per le persone ospitate all'interno di queste unità nelle contee / località dove l'incidenza di 3 / 1.000 abitanti negli ultimi 14 giorni è superato.

Si propone che il trasporto aereo continui ad essere effettuato nel rispetto delle misure e limitazioni in materia di igiene e disinfezione di aree comuni, attrezzature, mezzi di trasporto e aeromobili, procedure e protocolli all'interno di aeroporti e aeromobili, regole di condotta per aeroporti, aerei e per i passeggeri, nonché sull'informazione del personale e dei passeggeri, al fine di prevenire la contaminazione dei passeggeri e del personale che opera nel settore del trasporto aereo, alle condizioni stabilite con ordinanza congiunta del Ministro dei Trasporti e delle Infrastrutture, del Ministro della Salute e del Ministro degli affari interni. E lo stesso per il settore ferroviario, navale o stradale.

Il tasso di occupazione delle unità abitative nell'area era limitato al 70% stazioni sciistiche

Si propone di limitare il grado di occupazione degli spazi ricettivi all'interno delle strutture di accoglienza turistica, così come definite all'art. 2 lit. d) dell'Ordinanza del Governo n. 58/1998 sull'organizzazione e lo sviluppo del turismo in Romania, con successive modifiche e completamenti, al massimo il 70% della loro capacità massima, disposti nelle seguenti località / aree dove si praticano sci o altri sport invernali:

  • 61.1. Azuga, Busteni e Sinaia dalla contea di Prahova;
  • 61.2. Băile Tușnad, Borsec, Băile Homorod, Harghita-Băi dalla contea di Harghita;
  • 61.3. Borșa e Cavnic della contea di Maramureș;
  • 61.4. Poiana Brașov, Predeal e Bran della contea di Brașov;
  • 61.5. Sovata dalla contea di Mureș;
  • 61.6. Vatra Dornei della contea di Suceava;
  • 61.7. Voineasa dalla contea di Vâlcea;
  • 61.8. Zona Borlova-Muntele Mic, comune Turnu Ruieni dalla contea di Caraș-Severin;
  • 61.9. Arieșeni dalla contea di Alba;
  • 61.10. Durău dalla contea di Neamț;
  • 61.11. Novaci-Rânca dalla contea di Gorj;
  • 61.12. Păltiniș dalla contea di Sibiu;
  • 61.13. Stâna de Vale dalla contea di Bihor;
  • 61.14. Guardia nella contea di Hunedoara.

Di queste sono le misure mantenute o proposte a livello nazionale (ho estratto soprattutto quelle turistiche) sulla nuova fase dello stato di allerta 30 giorni. Continueremo ad avere La lista gialla della Romania che, speriamo, le autorità aggiorneranno settimanalmente.

Ulteriori informazioni sono disponibili su stirioficiel.ro!

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati dei tuoi commenti.