Airbus dimostra perché non è necessaria la distanza sull'aereo e quanto sia sicuro volare durante la pandemia COVID-19

Airbus dimostra perché non è necessaria la distanza sull'aereo e quanto sia sicuro volare durante la pandemia COVID-19

3 3.460
Aereo in ritardo? Il volo è stato cancellato? >>Richiedi un risarcimento ora<<per volo ritardato o cancellato. Puoi avere diritto a un massimo di € 600.

I sistemi di filtrazione degli aerei garantiscono il massimo livello di qualità dell'aria in cabina. I passeggeri e l'equipaggio possono essere certi che una cabina dell'aereo è uno degli ambienti più sicuri durante la pandemia COVID-19.

Un nuovo studio di Airbus mostra che quando tutti i passeggeri e l'equipaggio indossano maschere, c'è una probabilità molto bassa che le particelle si diffondano nell'area di respirazione del passeggero. Cosa significa, più chiaramente? Significa che esiste un rischio molto basso di trasmettere il virus alla cabina di pilotaggio.

Circa sicurezza del volo nel contesto della pandemia COVID-19 Ho scritto prima. E non sto parlando della sicurezza fisica del volo qui, sto parlando della sicurezza epidemiologica.

Airbus dimostra perché non è necessaria la distanza sull'aereo

E ora descriviamo in dettaglio lo studio fatto da Airbus. Grazie a una simulazione 3D al computer, gli esperti di Airbus sono stati in grado di comprendere la potenziale propagazione di particelle (che si verifica quando gocce e aerosol vengono espulsi respirando, tossendo, starnutendo o parlando) da un passeggero.

La metodologia per questa simulazione è rigorosa. Bsulla fluidodinamica computazionale (CFD), lo studio analizza 50 milioni di punti all'interno della cabina e calcola una varietà di parametri, come la velocità dell'aria, la direzione e la temperatura per ciascuno di questi punti 1.000 volte al secondo.

Un'altra conclusione notevole tratta dallo studio è stata questa in modo significativo meno le particelle emesse da un passeggero di un aereo hanno raggiunto l'area di respirazione di altri passeggeri, rispetto alle particelle emesse in uno spazio commerciale chiuso. È stato anche dimostrato che non vi è maggiore esposizione alle particelle quando i passeggeri sono seduti uno accanto all'altro.

Barriere visibili e invisibili che consentono la distanza fisica a bordo

Airbus Keep-Trust-in Air-Travel-droplet-study-infografica-orizzontale

Altre scoperte interessanti sono barriere visibili e invisibili che praticamente consentono la distanza fisica a bordo. Queste barriere invisibili sono create dal già alto tasso di ricambio d'aria della cabina, dal tipo di flusso d'aria dall'alto verso il basso, dal filtraggio del particolato ad alta efficienza (HEPA), combinato con sedili rivolti in avanti e schienali alti.

È stato dimostrato che 30 cm di distanza fisica a bordo di un aereo è equivalente a 1,8 m all'esterno dell'aeromobile, che è maggiore di 1 metro raccomandato dall'Organizzazione mondiale della sanità (OMS).

Quindi, anche quando qualcuno tossisce o starnutisce e anche quando tutti i sedili (compreso il sedile centrale) sono occupati, i passeggeri sono essenzialmente ad una distanza che li protegge dalle particelle di chi li circonda.. In conclusione, anche se l'aereo è occupato a pieno regime, i passeggeri hanno assicurato la distanza necessaria.

Simulazioni complesse di questa natura sono una pratica normale in Airbus. Per ottimizzare il modello del flusso d'aria della cabina e garantire il comfort termico, la salute e la sicurezza dei passeggeri e dell'equipaggio, vengono condotti continuamente studi di modellazione CFD per analizzare la pulizia e il flusso d'aria.

Per decenni, Airbus ha utilizzato le migliori tecnologie e innovazioni per creare un ambiente di cabina in cui i passeggeri e l'equipaggio possano respirare aria fresca a bordo.

Questi studi recenti affermano la solidità complessiva della cabina di pilotaggio e dell'architettura del filtro dell'aria di Airbus e confermano precedenti valutazioni secondo cui il rischio di trasmissione del virus alla cabina di pilotaggio dell'aereo è molto improbabile.

In breve, l'aria nell'aereo è pulita ei passeggeri possono fidarsi di condividere in sicurezza lo spazio della cabina con gli altri partecipanti al volo.

Commenti 3
  1. Alexandru dice

    Quant'è vero!
    Ho viaggiato la scorsa settimana con un'aria da wizz, qualche tempo dopo il decollo, sono venuti con il tavolo, per servire sull'aereo, e la stragrande maggioranza ha ordinato, e le stesse persone si sono tolte le maschere e si poteva sentire quella accanto a te o da dietro, come affoga e inizia a tossire!
    Non so quanto sei al sicuro quando la maggior parte dei passeggeri sull'aereo viene lasciata senza maschere sul viso a un certo punto.

    1. Sorin Rusi dice

      Anche se tossiscono, come dice lo studio, è improbabile che le particelle da loro emesse raggiungano davanti o dietro di loro ... e ancor meno a sinistra oa destra. Le cortine d'aria aspirano aerosol e particelle… L'aria circola verticalmente negli aerei.

      Allo stesso tempo, lo studio mostra come si possa ottenere la massima sicurezza negli aerei. Ma dipende anche dalle compagnie aeree come implementano queste misure.

      Si consiglia soprattutto di viaggiare in minima parte in aeroplani per non mettere in pericolo le invisibili tende protettive.

  2. [...] Airbus dimostra perché non è necessaria la distanza sull'aereo e quanto sia sicuro ... [...]

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati dei tuoi commenti.