Gli australiani possono entrare in Svizzera senza visto da gennaio 2022

0 190

Il Consiglio federale svizzero ha deciso di consentire ai cittadini australiani di entrare nel suo territorio senza visto per vari scopi, tra cui lavoro e soggiorni di lunga durata.



La decisione è stata annunciata dalla Segreteria di Stato svizzera per la migrazione in un comunicato stampa diffuso martedì 16 novembre. Si ricorda inoltre che il Consiglio federale ha deciso di modificare a tal fine l'Ordinanza sull'ingresso e sui visti (EGVO).

I cittadini australiani potranno entrare in Svizzera senza visto dal 1° gennaio 2022. L'ordinanza è stata modificata di conseguenza. Dalla stessa data i cittadini svizzeri avranno accesso al programma Australian Work and Holiday", osserva il comunicato stampa.

Nonostante l'esenzione dal visto, le condizioni di ingresso previste dalla legge svizzera e dai regolamenti Schengen rimarranno in vigore per gli australiani, così come per gli altri viaggiatori provenienti da paesi terzi. Ciò significa che, tra l'altro, gli australiani dovranno dimostrare di avere i mezzi finanziari per sostenere la loro permanenza in Svizzera.

Allo stesso tempo, gli australiani che intendono soggiornare per più di tre mesi, così come coloro che intendono lavorare nel Paese, devono prima ottenere un permesso di soggiorno dall'autorità competente prima di entrare in Svizzera.

Attualmente, i cittadini australiani possono entrare in Svizzera senza visto solo per brevi periodi fino a 90 giorni, per scopi che non includono l'occupazione. Tuttavia, coloro che vogliono lavorare in Svizzera, così come coloro che desiderano rimanere più a lungo nel paese, devono prima richiedere un visto alle autorità svizzere in Australia.

La Svizzera rilascia ogni anno da 500 a 800 visti a cittadini australiani", rileva la Segreteria di Stato per la migrazione.

Per reciprocità, dal 1° gennaio 2022, l'Australia aggiungerà la Svizzera all'elenco dei paesi i cui cittadini possono beneficiare del programma. Lavoro e vacanze australiani. I paesi che già beneficiano di questo programma sono Argentina, Austria, Cile, Cina, Repubblica Ceca, Ecuador, Grecia, Ungheria, Indonesia, Israele, Lussemburgo, Malesia, Perù, Polonia, Portogallo, San Marino, Singapore, Repubblica Slovacca, Slovenia, Spagna, Thailandia, Turchia, Uruguay e Vietnam.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.