La Bulgaria sta aprendo i suoi confini e rinunciando alla quarantena per i cittadini della maggior parte dei paesi europei

1 754

Dal 1 ° giugno, la Bulgaria aprirà i suoi confini e rinuncerà alla quarantena per i cittadini della maggior parte dei paesi europei. Venerdì sera, il ministro della Sanità Kiril Ananiev ha firmato un decreto ministeriale sull'apertura dei confini.

L'ordine di Ananiev include un elenco di coloro che possono entrare in Bulgaria senza essere messi in quarantena: Cittadini bulgari, cittadini degli Stati membri dell'Unione europea, cittadini dei paesi Schengen (compresa la Repubblica di San Marino, il Principato di Andorra, il Principato di Monaco e lo Stato della Città del Vaticano), cittadini della Repubblica di Serbia e della Repubblica della Macedonia settentrionale, familiari di cittadini bulgari, persone che sono in vera convivenza con un cittadino bulgaro e stranieri con residenza permanente o di lunga durata in Bulgaria e i loro familiari.

Oltre a quelli sopra elencati, il territorio della Bulgaria può comprendere anche: ricercatori, medici e specialisti medici; fornitori di attrezzature e medicinali medici; dipendenti nell'area di trasporto (merci e passeggeri); funzionari e dignitari stranieri, membri di delegazioni diplomatiche, funzionari di organizzazioni mondiali.

Coloro che sono soggetti a una quarantena obbligatoria di 14 giorni all'entrata in Bulgaria provengono tutti dal Regno Unito, Svezia, Belgio, Irlanda, Portogallo, Spagna, Malta, Italia e tutti i paesi extra-UE ad eccezione di Serbia e Macedonia settentrionale.

Di conseguenza, dal 1 ° giugno, i cittadini rumeni potrebbero recarsi in Bulgaria. Il problema è tornare nel paese, dove abbiamo ancora la legge dell'isolamento a casa per 14 giorni. Speriamo che le autorità di Bucarest facciano qualcosa al riguardo, almeno firmano per il corridoio verde Bulgaria, Grecia (La Grecia apre le frontiere per i cittadini di 29 paesi dopo il 15 giugno), Serbia.

Commento 1
  1. […] La Bulgaria apre i confini e abbandona la quarantena per la maggioranza dei cittadini …… […]

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati dei tuoi commenti.