Bulgaria: nuove disposizioni di legge sull'acquisizione dei pedaggi (TOLL) per il trasporto merci e passeggeri

0 303

Il Ministero degli Affari Esteri informa i cittadini rumeni che sono, transitano o intendono recarsi nella Repubblica di Bulgaria che, a partire da luglio 2022, nuove disposizioni in merito all'entrata in vigore del pedaggi (PEDAGGIO) per la circolazione di merci e autovetture.


Pertanto, a partire dal 1° luglio 2022, le strade nazionali di categoria II saranno incluse nel sistema di pedaggio di tipo PEDAGGIO per i veicoli merci e passeggeri e l'importo di tali pedaggi per le autostrade e le strade nazionali di categoria I sarà aumentato in due fasi. A partire dal 3,5° luglio 1 e, rispettivamente, dal 2022° gennaio 1, si realizzerà così l'aumento dell'importo delle tasse per i mezzi di trasporto merci e passeggeri di peso superiore a 2023 tonnellate.

Tasse per le vignette elettroniche in Bulgaria, per i mezzi di trasporto fino a 3,5 tonnellate, è ridotto del 10% a partire dal 1° gennaio 2023; fino al 31 dicembre 2022 il loro importo rimane invariato.

A. Per i mezzi di trasporto di peso compreso tra 3,5 e 12 tonnellate, a seconda della categoria ecologica, verranno corrisposti fino al 31 dicembre 2022 i seguenti pedaggi:

• tra 6 e 9 stotinci (100 stotinci = 1 leva) per ogni chilometro percorso in autostrada;

• da 5 a 8 stotinci per chilometro percorso su strade nazionali di categoria I;

• da 2 a 3 ceppi per chilometro percorso su strade nazionali di categoria II.

Per i mezzi di trasporto di peso compreso tra 3,5 e 12 tonnellate, a seconda della categoria ecologica, a partire dal 1° gennaio 2023 verranno corrisposti i seguenti pedaggi:

• tra 10 e 13 stotinci per ogni chilometro percorso in autostrada;

• da 6 a 9 stotinci per chilometro percorso su strade nazionali di categoria I;

• da 4 a 7 ceppi per chilometro percorso su strade nazionali di categoria II.

B. Per i mezzi di trasporto di peso superiore a 12 tonnellate, a 2 o 3 assi, a seconda della categoria ecologica, sono corrisposti fino al 31 dicembre 2022 i seguenti pedaggi:

• tra 16 e 20 stotinci per ogni chilometro percorso in autostrada;

• tra 13 e 17 stotinci per chilometro percorso su strade nazionali di categoria I;

• da 9 a 11 ceppi per chilometro percorso su strade nazionali di categoria II.

Per i mezzi di trasporto di peso superiore a 12 tonnellate, a 2 o 3 assi, a seconda della categoria ecologica, a partire dal 1° gennaio 2023 sono corrisposti i seguenti pedaggi:

• tra 26 e 30 stotinci per ogni chilometro percorso in autostrada;

• da 22 a 25 stotinci per chilometro percorso su strade nazionali di categoria I;

• da 19 a 23 ceppi per chilometro percorso su strade nazionali di categoria II.

C. Per i mezzi di trasporto di peso superiore a 12 tonnellate, a 4 o più assi, a seconda della categoria ecologica, sono corrisposti fino al 31 dicembre 2022 i seguenti pedaggi:

• Entro a/da 15 ceppi per chilometro percorso su strade nazionali di categoria II per mezzi di trasporto di categoria EURO VI, EEV e 32 ceppi per mezzi di trasporto di categoria EURO 0, I, II, per ogni chilometro percorso in autostrada.

Per i mezzi di trasporto di peso superiore a 12 tonnellate, a 4 o più assi, a seconda della categoria ecologica, a decorrere dal 1° gennaio 2023 sono corrisposti i seguenti pedaggi:

• Entro a/da 29 ceppi per chilometro percorso su strade nazionali di categoria II per mezzi di trasporto di categoria EURO VI, EEV e 43 ceppi per mezzi di trasporto di categoria EURO 0, I, II, per ogni chilometro percorso in autostrada.

D. Per gli autobus di peso compreso tra 3,5 e 12 tonnellate, a seconda della categoria e della classe, verranno corrisposti, fino al 31 dicembre 2022, i seguenti pedaggi: da 1 a 5 stotinci per ogni chilometro percorso, e dal 1 gennaio 2023, da 2 a 8 stotini.

E. Per gli autobus di peso superiore a 12 tonnellate, a seconda della categoria e della classe, verranno corrisposti pedaggi, fino al 31 dicembre 2022, tra 2 e 6 stotinci per ogni chilometro percorso, e dal 1 gennaio 2023, tra 3 e 9 stotinci.

In tale contesto si sottolinea l'importanza di una corretta informazione dei conducenti rumeni, dell'acquisto tempestivo di bollini elettronici e del corretto pagamento dei pedaggi per l'utilizzo delle infrastrutture stradali pubbliche in Bulgaria, in conformità con la normativa vigente.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.