Il "certificato digitale EU COVID" sarà lanciato a giugno, se l'infrastruttura lo consentirà

0 276

Dopo diversi giorni di intense trattative, gli Stati membri dell'Unione Europea (UE) hanno raggiunto un accordo, e il Parlamento Europeo e il Consiglio UE hanno approvato la proposta della Commissione Europea di redigere e attuare - se possibile, anche da giugno - il certificato verde digitale. Diversi stati erano riluttanti, ma sono stati autorizzati a mantenere alcune delle loro restrizioni.

Il "Certificato digitale EU COVID" avrà una versione fisica e una digitale, che funzionerà tramite un codice QR.

Il passaporto sanitario, come è stato chiamato, conterrà tutte le informazioni sanitarie dei passeggeri aerei, certificati di vaccinazione contro COVID-19, certificati attestanti che il titolare ha superato la malattia, nonché i risultati dei test PCR eseguiti dal titolare. Lo ha riferito il commissario europeo alla giustizia Didier Reynders tramite il suo account Twitter.

I cittadini dell'UE potranno ottenere il permesso se possiedono almeno una delle tre prove. Anche chi ha una singola dose di vaccino potrà richiedere il certificato per viaggiare nell'UE, sebbene saranno accettati solo i vaccini approvati dall'Agenzia europea per i medicinali (EMA). Ad oggi, l'EMA ha dato il via libera ai vaccini di Pfizer-BioNTech, Moderna, AstraZeneca e Janssen (Johnson & Johnson).

Il presidente del governo spagnolo, Pedro Sánchez, visiterà lo stand Turespaña a Fitur per presentare il certificato digitale, con l'obiettivo di riattivare il turismo internazionale, il cui rilancio inizierà "presto". L'accordo prevede un impegno provvisorio a stanziare un bilancio di 100 milioni di euro in fondi dell'UE e altri 100 milioni di euro, se sono necessarie più risorse, per rendere i test più accessibili.

I cittadini dell'UE, ma che vivono al di fuori dell'UE, potranno ottenere il certificato se hanno ricevuto uno di questi quattro vaccini approvati.

Le bozze di regolamento per questo certificato includono anche alcune regole. Gli Stati membri dovrebbero impegnarsi a imporre limitazioni ai viaggi solo se strettamente necessario per tutelare la salute pubblica. Se uno Stato membro ritiene che tali misure siano necessarie a causa del deterioramento della sua situazione epidemiologica secondo i dati del Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (ECDC), il governo nazionale interessato avrà 48 ore per comunicare. altri Stati membri la sua intenzione di imporre restrizioni straordinarie.

Il Parlamento è pronto ad approvare l'accordo nella prossima sessione plenaria, con un dibattito già previsto per il 9 giugno. Il testo dovrà passare anche al Consiglio dell'UE, dove sarà necessaria una maggioranza qualificata. Il certificato sarebbe legalmente vincolante per tutti i paesi dell'UE e potrebbe essere lanciato il 1 ° giugno, a condizione che le autorità nazionali mettano in atto le infrastrutture necessarie per far funzionare tutto.

Certificato Covid Digitale UE non sarà una precondizione per la libera circolazione o un sostituto di un vero passaporto. Si tratta di uno strumento di informazione sanitaria che sarà disponibile per un anno e faciliterà e accelererà i controlli epidemiologici negli aeroporti.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati dei tuoi commenti.