Cinque (5) cose buone nel turismo risultanti dalla pandemia di COVID

0 228

Sono trascorsi due anni dallo scoppio della pandemia di COVID-19 e due anni di trasformazioni fondamentali in tutto il mondo. Tra le industrie più colpite abbiamo il turismo, l'aviazione, l'ospitalità e le industrie correlate.



L'industria del turismo e dei viaggi ha generato circa il 10% del PIL mondiale nel 2019, l'equivalente di 9.2 trilioni di dollari secondo i dati forniti dal WTTC. Il 2020 è stato l'anno in cui è crollato tutto, compreso aviazione e turismo, e il calo rispetto al 2019 è stato di circa il 50%.

Turismo e viaggi hanno generato circa 4.5 trilioni di dollari nel 2020. Allo stesso tempo, sono stati persi circa 60 milioni di posti di lavoro, con persone che sono diventate disoccupate o hanno scelto di riqualificarsi in altri settori.

A quanto pare questa pandemia ha solo causato problemi: ha causato perdite finanziarie, ha causato la perdita di posti di lavoro, ha causato problemi di salute a centinaia di milioni di persone, ha portato alla perdita di vite umane a causa del nuovo coronavirus. Se tracciamo il limite, i due anni della pandemia sono stati i più bui degli ultimi 100 anni.

Ma, come dice Studio Accor, dopo la pandemia avremo una nuova normalità. Almeno dal punto di vista turistico, assisteremo sicuramente ad alcune notevoli trasformazioni tra i turisti, ma anche nel modo in cui si farà il turismo nei prossimi anni.

Abbiamo identificato cinque cose buone nel turismo derivanti dalla pandemia

Flessibilità e salute

  • 1 turista su 5 afferma che le priorità di viaggio saranno diverse dopo la pandemia. La flessibilità delle prenotazioni e gli elevati standard sanitari sono in cima alla lista delle cose che gli europei si aspettano di avere nel 2022 e oltre. 1 turista su 3 desidera standard di salute e sicurezza più chiari e 1 turista su 5 sarebbe disposto a pagare di più per una camera d'albergo se avesse un riconoscimento riconosciuto per la pulizia, come l'etichetta sanitaria e igiene ALLSAFE globale di Accor.

Tecnologizzazione del settore

  • La pandemia ha portato a un ampio processo di tecnologicizzazione nel settore turistico, con un ruolo significativo nel fornire un'esperienza di viaggio più leggera in termini di contatto. 1 turista europeo su 5 desidera più opzioni di pagamento contactless, ma anche un aumento della tecnologia alberghiera, dal servizio clienti tramite WhatsApp al miglioramento della qualità e della funzionalità dei televisori nelle camere d'albergo. Le persone vogliono viaggiare, ma vogliono anche essere al sicuro, e ora si stanno adattando al fatto che i due possono coesistere.

assicurazione

  • I viaggiatori hanno iniziato a prestare maggiore attenzione alla cancellazione, al viaggio e all'assicurazione medica. Vista l'incertezza degli ultimi mesi, la riassicurazione, sia in termini di sicurezza che di flessibilità, è una necessità per viaggiare nel 2022 e oltre.

I turisti scelgono di viaggiare meno in aereo, più in treno e in auto

  • La pandemia ha cambiato il modo di viaggiare delle persone. 1 turista su 5 prevede un minor numero di viaggi aerei nel 2022 e si aspetta un ritorno dei viaggi in treno e in auto. 1 turista su 10 prevede che la pianificazione di più viaggi nello stesso periodo continui come standard nel 2022, dando ai viaggiatori la certezza che almeno uno dei viaggi dovrebbe svolgersi secondo i piani.

Presta attenzione alla natura

  • Una cosa positiva degli anni del Covid è aumentare la consapevolezza della sostenibilità come priorità. La sostenibilità e l'impatto dei viaggi sul clima e sul pianeta sono ormai un fattore per 4 persone su 5. Questo influenza la scelta della destinazione, come arrivarci, l'alloggio e le attività che posso intraprendere durante il viaggio.

Commentando i risultati e il rapporto, Karelle Lamouche, Chief Commercial Officer, Accor Northern Europe, ha dichiarato: "Il covid non ha sminuito la nostra voglia di viaggiare, ma ha complicato il processo. Anche se un intervistato su cinque ha dovuto annullare o posticipare un viaggio a causa della variante Omicron, le persone sono comunque determinate a viaggiare e spendere il 39% in più rispetto al 2019. L'anno scorso i viaggi sono stati spontanei, spesso prenotati e realizzati in pochi giorni. Ora, secondo Omicron, le persone stanno già pianificando e prenotando viaggi per i prossimi tre anni. Hanno molto da aspettarsi e da recuperare nel 2022. ”

"È chiaro che le priorità sono cambiate negli ultimi due anni. La sostenibilità conta più che mai nelle decisioni che le persone prendono. L'equilibrio tra lavoro e vita privata non è più solo uno slogan e i viaggiatori hanno una nuova consapevolezza dell'impatto positivo che i viaggi hanno sul loro benessere. In effetti, due terzi di noi vogliono viaggiare per migliorare la nostra salute mentale. Ci aspettiamo che questo trend di miglioramento, consapevolezza e benessere faccia parte dell'esperienza di viaggio dei prossimi anni, accelerato dalle opportunità perse dal Covid. Tornano i viaggi, tornano le esperienze e l'Europa inizia il 2022 con ottimismo".

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.