COVID-19 Daily - 24 novembre: proteste in Europa; La Francia accetterà la dose di richiamo per tutti gli adulti vaccinati; La Slovacchia ha adottato restrizioni sui non vaccinati

0 454

La situazione della pandemia globale è incerta, con alti e bassi. I paesi europei, nonostante il numero crescente di vaccinati, continuano a imporre drastiche restrizioni a livello locale. L'Austria è entrata in un blocco temporaneo, i Paesi Bassi hanno attivato un blocco parziale e la Germania ha appena introdotto il certificato digitale al lavoro. Ovviamente, tutte queste misure hanno portato a un'ondata di indignazione da parte dei cittadini, che ha portato anche a proteste diffuse in quegli stati. Vediamo le notizie sulla pandemia:



  • Il primo ministro francese Jean Castex è risultato positivo al COVID-19 dopo aver appreso che una delle sue figlie aveva contratto il virus. Castex sarà isolato per 10 giorni. Il 56enne era stato completamente vaccinato in primavera e non era mai risultato positivo. Vi ricordiamo che lunedì il Primo Ministro francese ha incontrato il Primo Ministro belga, Alexander De Croo.
  • Ampie proteste sono state segnalate a Bruxelles in cui sono rimasti feriti tre agenti di polizia. La gente è scesa in strada domenica, cantando "libertà" e protestando contro misure più dure, compreso il lavoro da casa e l'uso di maschere. De Croo ha detto alla stampa “viviamo in un Paese libero, possiamo protestare, ma il modo in cui si sono comportati alcuni manifestanti non ha nulla a che fare con la libertà".

Il ministro della Sanità tedesco Jens Spahn ha rilasciato una dichiarazione schiacciante: "Probabilmente entro la fine di questo inverno, come a volte dicono cinicamente, quasi tutti in Germania saranno vaccinati, guariti o morti."

  • Nei Paesi Bassi, Il primo ministro Mark Rutte ha descritto le manifestazioni del fine settimana come semplici  "Pura violenza con il pretesto di una protesta". Il ritorno del Paese a un lockdown parziale, con bar, caffè, ristoranti e supermercati che chiudono alle 20:00, ha portato a tre giorni di violenze con almeno 130 arresti. Il governo ha detto lunedì che le persone devono rispettare le misure, altrimenti verranno applicate ulteriori restrizioni .
  • La Slovacchia è il paese più recente ad adottare restrizioni per i non vaccinati, perché combatte uno dei più alti tassi di infezione al mondo. Coloro che non hanno ricevuto i vaccini non possono entrare in altri negozi oltre a quelli considerati essenziali, alimentari e farmacie, anche se hanno un recente test negativo.
Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.