Solo tre paesi sono rimasti verdi dopo l'ultimo aggiornamento dell'indice epidemiologico, secondo la classificazione dell'ECDC. La Romania non è tra questi!

0 809

Nell'ultimo aggiornamento sulla situazione epidemiologica nei paesi dell'UE, il Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (ECDC) ha rivelato che la diffusione del COVID-19 e delle sue varianti continua a essere altrettanto rapida. Tuttavia, in alcune zone la situazione è migliorata rispetto all'inizio di agosto.

Secondo i dati pubblicati dall'EDC il 9 settembre, solo tre paesi e quattro regioni, che negli ultimi 50 giorni ha registrato meno di 100.000 casi positivi ogni 14 abitanti, sono - attualmente - in corso lista verde: Repubblica Ceca, Ungheria, Polonia, regione di Aosta (Italia), regione della Transilvania (Romania) e regioni di Prešov e Košice (Slovacchia).

Di conseguenza, viaggiare in questi paesi/regioni è considerato sicuro. Inoltre, i viaggi da questi paesi e regioni ad altri Stati membri dell'UE non dovrebbero essere soggetti a restrizioni. Tuttavia, spetta a ciascuno Stato membro decidere le regole.

Si raccomanda che gli Stati membri impongano test prima della partenza e requisiti di autoisolamento a tutte le persone che arrivano dai paesi della lista rossa.

D'altra parte, diverse regioni sono state spostate lista arancione, poiché la situazione epidemiologica è leggermente migliorata: Svezia, Isole Canarie e Asturie (Spagna), Danimarca, Finlandia, Lettonia, Madeira (Portogallo), Malta, metà Italia, metà Norvegia, Carinzia, Stiria, Bassa Austria, Burgenland, Tirolo (Austria), Normandia, Paese della Loira, Centro-Val de Loire (Francia), Romania (eccetto regione della Transilvania).

I viaggi da e verso uno qualsiasi dei paesi e delle regioni sopra menzionati non sono scoraggiati. Tuttavia, i viaggiatori non vaccinati e non recuperati possono essere soggetti a rigide restrizioni e ai viaggiatori vaccinati potrebbe essere richiesto di conformarsi ai requisiti dei test, a seconda delle regole di ciascun paese.

Invece, l'ECDC ha suggerito che regole rigorose dovrebbero essere applicate a tutte le aree poste su lista rossa dei paesi con più di 200 casi di infezione da coronavirus ogni 100.000 abitanti nelle ultime due settimane: Grecia, Bulgaria, Liechtenstein, Spagna, Portogallo, Irlanda, Islanda, Paesi Bassi, Belgio, Estonia, Lituania, Cipro, Slovenia e alcune regioni della Norvegia.

"Ciò dovrebbe valere anche per chi viaggia per motivi essenziali, purché ciò non abbia un impatto sproporzionato sullo svolgimento delle proprie funzioni o necessità. Tuttavia, i lavoratori dei trasporti dovrebbero, in linea di principio, essere esentati dai requisiti di test e quarantena"., ha informato la Commissione europea.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.