Il governo sta tagliando i buoni / biglietti per le vacanze nel 2021.

0 4.747

Quest'anno il governo rumeno vuole ridurre la pressione sul bilancio dello Stato e cerca soluzioni per risparmiare denaro. Si è scoperto, miracolosamente, che i dipendenti pubblici beneficiano di dozzine di aumenti ingiustificati. Vengono concessi circa 7 tipi di bonus in 50 aree di attività, molti di loro inutili. Quindi è in preparazione un'ordinanza governativa in base alla quale molti bonus verranno eliminati o il loro importo verrà ridotto. Il problema è che oltre ai bonus i buoni vacanza sono mirati e borse di studio per il trasporto degli studenti.



Il Sig. Florin Cîţu ha affermato che sarebbe possibile che i biglietti per le vacanze per il 2021 non vengano più concessi, in quanto vi è la possibilità che possano essere utilizzati quelli del 2019 e del 2020. La pandemia COVID-19 ha notevolmente limitato e limitato i viaggi anche nel nazione. Ci sono alcuni segnali nel mercato che ci sono ancora abbastanza buoni non consumati che possono ancora essere utilizzati.

Senza approfondire la situazione, molte delle informazioni sopra citate provenienti da fonti, funzionari pubblici, studenti e chi lavora nell'area del turismo hanno aspramente criticato queste decisioni.

È difficile privare le persone di alcuni benefici, anche se molti non hanno più senso. Non importa se quei benefici sono utili o ingiustificati, le persone stanno difendendo i loro interessi e non è da condannare. Vogliamo solo vivere bene, avere benefici e compensi concessi in base al merito.

Buoni / buoni vacanza - vantaggi o svantaggi?

In un periodo triste, governato da COVID-19, turismo, HoReCa e trasporti sono stati gravemente colpiti dalla pandemia di coronavirus. In un momento difficile per molte aziende di questi settori, i buoni vacanza erano una "bocca di ossigeno".

Guardando calorosamente la situazione, l'eliminazione dei buoni e dei buoni vacanza nel 2021 può essere un problema per il turismo rumeno. Possiamo dire che è una tragedia nel contesto in cui molti alberghi operavano al limite dei danni e non si sa quanti altri riusciranno a resistere un altro anno in queste condizioni difficili a causa della pandemia.

Guardando freddamente questa situazione, l'eliminazione dei buoni vacanza per il 2021 porta un risparmio al bilancio statale di 1.2 - 1.5 miliardi di lei, un sacco di soldi. Non rimangono necessariamente nella tesoreria dello Stato, ma lo Stato non prenderà più prestiti per coprire questa spesa.

Il bilancio dello Stato è costituito in gran parte dalle tasse raccolte dal settore privato e dalla popolazione. La Romania produce troppo poco e le entrate provenienti da fonti amministrate dallo Stato sono insufficienti. Tuttavia la pressione sul bilancio è altissima, ci sono molti aumenti di stipendio e gratifiche, indennità, tante elemosine elettorali che devono essere liquidate negli anni precedenti. Il deficit sarà piuttosto elevato anche nel 2021.

Possibilità di utilizzare i voucher del 2019 e del 2020

Tuttavia, c'è la possibilità di utilizzare i voucher del 2019 e del 2020, e qui si deve vedere chiaramente quanti sono ancora inutilizzati e quale sarebbe l'importo da liquidare dopo il loro utilizzo. Nel contesto in cui lo Stato non ha fatto molto per l'industria del turismo in Romania, questi buoni possono svolgere il ruolo di aiuto indiretto. Quindi la tragedia che ho menzionato sopra potrebbe non essere così grande quest'anno. Dal 2022 resta da vedere cosa accadrà.

E se continuiamo a parlare di biglietti per le vacanze e buoni, penso che la legge debba essere modificata e adattata per essere un vero aiuto per il turismo rumeno. In altre parole, dovrebbero essere introdotti nel settore privato in una forma simile ai buoni pasto.

So che ci sono molte aziende che premiano i propri dipendenti con tali bonus, ma non è per tutti e quindi si verifica questa "discriminazione" professionale, che esiste tra i dipendenti pubblici e il settore privato. O i biglietti vengono dati a tutti i rumeni e poi avremo il turismo di massa in Romania, come in passato, oppure vengono dati sul livello delle prestazioni professionali, su criteri ben definiti, ecc. e poi giova a certe persone, forse le più meritevoli.

Per rendere una legge sui buoni vacanza valida per tutti, e ogni persona può scegliere tra denaro e buoni in base al periodo di vacanza concesso dalla legge. E poi c'è la domanda successiva. Quanto la gente vuole questi biglietti a scapito del denaro? Quanto hanno aiutato questi buoni vacanza al turismo rumeno? I servizi, le condizioni di alloggio, i pacchetti sono stati migliorati?

La legge sui buoni vacanza deve essere modificata.

La legge sui buoni vacanza deve essere modificata. Forse il periodo di utilizzo dovrebbe essere limitato, forse è bene essere utilizzato a fine stagione e non nel pieno della stagione. Ecco un'altra questione relativa all'influenza dei prezzi. A causa dei buoni vacanza, i prezzi sono aumentati e molti nel settore privato non possono più permettersi di viaggiare in Romania. Non sorprende che Turchia, Grecia o Bulgaria siano in cima alle preferenze dei rumeni come destinazioni turistiche.

E come supplemento, non tutte le unità abitative hanno accettato i buoni vacanza, qui trattandosi di liquidazioni, che spesso venivano effettuate 3 mesi dopo l'utilizzo dei buoni vacanza. Ci sono altri aspetti legati al modo di utilizzo, il fatto che la maggior parte dei dipendenti pubblici cercasse di inserire questi buoni per una vacanza in Romania. In altre parole, tutti i possessori di budget avevano diritto a una vacanza gratuita in Romania, ma ecco un'altra storia.

Scommetto che, nel 2021, il turismo nel fine settimana funzionerà come negli anni precedenti, che le persone viaggeranno anche se non hanno i biglietti per le vacanze, soprattutto nel contesto attuale in cui le restrizioni di viaggio sono più drastiche. E i soldi circoleranno più velocemente, senza ritardi negli accordi.

In conclusione, SÌ, i buoni vacanza vanno bene, ma la legge deve essere modificata. Il fatto che ci siano possibilità che NON venga concesso nel 2021, è discutibile quanto bene o quanto male questa misura produrrà. Diamo un'occhiata all'estero e vediamo com'è altrove, com'è la legge di questi biglietti, come viene implementata in altri paesi più ricchi o più poveri come la Romania. Possiamo certamente adattarlo molto meglio di quanto non sia ora. Stai storto e giudica bene!

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.