Nel 2020, solo 200000 turisti rumeni erano in Grecia

0 162

Nel 2020, anno di grazia della pandemia di COVID-19, il numero di turisti rumeni che hanno visitato la Grecia ha raggiunto il livello più basso registrato negli ultimi 15 anni, raggiungendo 204.600 turisti. Va notato che nell'anno pre-pandemia c'erano 1,37 milioni di turisti rumeni in Grecia.

Secondo i dati di Statista, il numero di turisti rumeni nel 2020 è stato dell'85% inferiore rispetto all'anno precedente, essendo anche circa l'8% inferiore al livello del 2011, quando sono stati registrati i tassi più bassi di visitatori rumeni (223.000) dal periodo 2010 -2020.

In generale, i rumeni hanno visitato di più la Grecia tra il 2016 e il 2019. Più precisamente, il numero più alto di visitatori rumeni in Grecia è stato registrato nel 2018, con 1,38 milioni di turisti registrati durante tutto l'anno.

La quota di visitatori rumeni registrati nel 2018 è stata del 21% in più rispetto al 2017, quando sono stati registrati 1,14 milioni di turisti e meno dell'1% rispetto all'anno successivo, appena prima dell'inizio della pandemia di COVID-19.

Il fattore principale per tassi così elevati di turisti rumeni in Grecia è il turismo religioso, poiché la Repubblica ellenica ospita numerosi luoghi e destinazioni sacre, come il Monastero di San Giovanni e la Chiesa di Panagia, un popolare luogo di pellegrinaggio in Grecia. Inoltre, la maggioranza della popolazione sia in Grecia che in Romania è cristiana ortodossa, con rispettivamente il 90 e l'82% della popolazione del paese che si identifica con la religione.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.