In Bulgaria è iniziato il controllo delle località balneari per quanto riguarda il rispetto delle misure sanitarie

0 200

La polizia e gli ispettori del Ministero della Salute bulgaro hanno avviato controlli intensificati sul rispetto delle misure sanitarie nelle località lungo la costa bulgara.



La regione di Burgas è da una settimana nella "zona rossa" e nella sua ultima riunione il quartier generale ha deciso di rafforzare i controlli in quella zona. "La distanza tra i tavoli nei ristoranti dovrebbe essere di almeno un metro e mezzo. Questo si nota durante il giorno, ma la sera, quando ci sono orari di punta con un gran numero di persone, il personale di servizio dovrebbe limitare gli accessi, cosa che non avviene».

In Bulgaria è iniziato il controllo delle località costiere sul rispetto delle misure sanitarie e del distanziamento negli spazi pubblici.

Questo è il problema più grande durante la stagione: non mantenere le distanze. In tutti i luoghi pubblici chiusi è necessario indossare una mascherina che copra anche il naso. La mascherina va indossata anche in caso di affollamento per strada o in qualsiasi luogo affollato, anche all'aperto.

Tutte le strutture pubbliche saranno ispezionate. Proseguono i controlli nei resort e, dall'inizio dell'estate, sono previste circa 3 o 4 multe a settimana per mancato rispetto delle norme igienico-sanitarie.

Su 26 agosto, La Romania ha aggiornato la lista dei semafori. La Bulgaria, una delle mete di vacanza preferite dai rumeni, è entrata nella lista gialla e dal 29 agosto si applicano le regole imposte dalle autorità rumene.

L'Associazione nazionale delle agenzie di viaggio (ANAT) ha consigliato ai turisti di non farsi prendere dal panico e di non rinunciare alle proprie vacanze in Bulgaria. Tutti i turisti rumeni possono evitare la quarantena. È essenziale Certificato digitale UE COVID-19.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.