A livello UE sono stati segnalati 338 casi di Omicron

0 307

La circolazione della variante Omicron recentemente rilevata e gli alti tassi di infezione da COVID-19 hanno causato disordini nell'Unione europea. Tutti gli Stati membri impongono norme di viaggio più rigorose.



Al fine di prevenire la diffusione del virus e controllare la circolazione della variante Omicron, i paesi dell'UE hanno imposto regole di ingresso più severe, in particolare per le persone non vaccinate, i viaggiatori provenienti da paesi terzi e coloro che viaggiano da aree colpite da Omicron.

Tuttavia, anche se il traffico nei paesi colpiti da Omicron è stato limitato per quasi due settimane, sono stati segnalati 338 casi del nuovo ceppo nei paesi dell'UE e nell'area Schengen. Il numero senza dubbio aumenterà. Tendiamo a credere al rapporto IATA che afferma che le restrizioni di viaggio non influiscono sui tassi di infezione!

338 casi con Omicron, segnalati nei paesi dell'UE

Di tutti i 21 paesi UE/SEE, la Danimarca ha riportato il maggior numero di casi con Omicron. Finora, le autorità danesi hanno confermato 83 casi. Al secondo posto c'è il Portogallo con 37 casi e al terzo posto i Paesi Bassi (Paesi Bassi) con 36 casi. La Francia ha segnalato 32 casi e la Norvegia 29 casi.

Altri paesi che hanno identificato casi di Omicron sono: Austria (15), Belgio (14), Croazia (3), Repubblica Ceca (2), Estonia (6), Finlandia (9), Germania (15), Grecia (3), Islanda (12), Irlanda (1), Italia (11), Lettonia (2), Liechtenstein (1), România (3), Spagna (11) e Svezia (13).

Va notato che i paesi UE/SEE hanno segnalato casi con il nuovo ceppo Omicron in campioni raccolti da casi senza storia di viaggi nei paesi africani, indicando la trasmissione alla comunità. È possibile che la variante Omicron sarà presente in Europa già da ottobre.

Nel suo ultimo aggiornamento della mappa pubblicato oggi, 9 dicembre, l'ECDC ha ribadito che tutti i paesi dell'UE continuano a identificare alti tassi di infezione. Pertanto, a tutti, principalmente ai viaggiatori non vaccinati e guariti, è stato consigliato di rinunciare ai viaggi non essenziali/turistici.

Secondo i dati forniti dall'Agenzia europea per la salute, la situazione del COVID-19 è peggiorata soprattutto in Francia negli ultimi sette giorni, poiché ormai quasi tutto il suo territorio è rosso scuro.

Inoltre, continuano a registrare un numero crescente di nuovi casi anche Belgio, Austria, Bulgaria, Repubblica Ceca, Croazia, Irlanda, Estonia, Polonia, Islanda, Lettonia, Paesi Bassi, Lituania, Ungheria, Grecia, Liechtenstein, Slovacchia e Slovenia. . La Romania, invece, è in discesa, raggiungendo un indice di contagiosità di 1.1.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.