Le persone non vaccinate devono affrontare ulteriori misure restrittive sui viaggi nei paesi dell'UE

0 2.178

Con l'attivazione del certificato digitale UE COVID-19, che conferma la vaccinazione o il recupero dall'infezione con il nuovo coronavirus, i paesi europei hanno reso obbligatorio viaggiare all'interno dei confini dell'UE.



Attualmente, la maggior parte dei paesi europei impone rigide restrizioni ai viaggiatori che non sono stati vaccinati/curati a seguito dell'infezione da COVID-19. L'obiettivo è limitare la diffusione di nuovi ceppi di coronavirus e proteggere la popolazione. Una persona che non ha acquisito l'immunità attraverso il vaccino o dopo il test è molto più vulnerabile alla malattia. Pertanto, devono essere testati o rimanere in isolamento, a seconda del paese di partenza e del paese di destinazione.

La Romania ha imposto misure restrittive

La Romania ha persino imposto misure restrittive a chi viaggia dalle zone gialle e rosse e il certificato digitale COVID-19 è l'unico documento riconosciuto per confermare test, vaccinazioni o cure. Pertanto, coloro che viaggiano in Romania dalla zona gialla potranno evitare la quarantena se presentano il risultato negativo di un test PCR o una prova di vaccinazione, in entrambi i casi viene accettato solo il certificato digitale COVID. Chi viaggia dalla zona rossa verso la Romania potrà evitare la quarantena solo se vaccinato contro il nuovo coronavirus. Misure simili sono state imposte dalle autorità della Lituania e della Repubblica ceca.

La Finlandia sta adottando misure più severe, vietando i viaggiatori non vaccinati provenienti da alcuni paesi europei e terzi. La Danimarca sta anche valutando l'applicazione di nuove misure restrittive contro le persone non vaccinate. Coloro che viaggiano in Danimarca dai paesi e dalle regioni inclusi nell'elenco giallo devono essere sottoposti a doppio test, mentre quelli che viaggiano da paesi e regioni inclusi nell'elenco arancione devono rimanere isolati, ad eccezione dei requisiti di test.


Italia, Germania, Spagna, Francia e molti altri Paesi europei hanno iniziato a imporre il certificato digitale UE COVID-19, anche a livello nazionale, in particolare per facilitare l'accesso a spazi chiusi, aree affollate, concerti, spettacoli e altri eventi culturali.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.