Il Portogallo ha reintrodotto i controlli alle frontiere con la Spagna

0 1.140

Lo informa il Ministero degli Affari Esteri le autorità portoghesi hanno annunciato nuove misure sulle condizioni di ingresso nel territorio della Repubblica portoghese nel contesto della pandemia COVID-19. Le nuove misure si applicano a partire dal 31 gennaio 2021 alle 00:00. 



Pertanto, secondo le informazioni comunicate pubblicamente dalle autorità portoghesi, tutte le persone che si recano nella Repubblica portoghese in aereo da Stati membri dell'UE o associate all'area Schengen che hanno un'incidenza di casi compresa tra 150 e 500 ogni 100.000 abitanti negli ultimi 14 giorni ( categoria in cui si trova anche la Romania), deve presentare un test molecolare (tipo RT-PCR) con esito negativo per infezione da virus SARS-CoV-2, eseguito con un massimo di 72 ore prima dell'imbarco.

Allo stesso tempo, nel caso di queste categorie di persone, le autorità portoghesi raccomandano solo i viaggi essenziali. 

Il Portogallo ha anche reintrodotto i controlli terrestri e fluviali sul confine spagnolo dalla stessa data:

- è vietata la circolazione stradale alla frontiera terrestre, indipendentemente dal tipo di veicolo, ad eccezione del trasporto internazionale di merci, del trasporto di lavoratori transfrontalieri e della circolazione di ambulanze, veicoli di rilascio e veicoli di soccorso;

- il traffico ferroviario (escluso il trasporto di merci) e il trasporto per vie navigabili interne tra la Repubblica portoghese e il Regno di Spagna sono sospesi;

- è stato reintrodotto il controllo alle frontiere terrestri e fluviali. 

Le misure relative alla limitazione del traffico alle frontiere terrestri e interne con il Regno di Spagna non si applicano nei seguenti casi:

- ingresso di cittadini portoghesi e titolari di permessi di soggiorno nella Repubblica portoghese;

- il movimento di non residenti nella Repubblica portoghese per scopi strettamente essenziali (ad esempio: attività professionali svolte in attività internazionali, trasporto merci, viaggi umanitari, viaggi per il trasporto di lavoratori transfrontalieri e stagionali, con un contratto di lavoro debitamente provato);

- la partenza di persone residenti in altri Stati.

Sono dichiarati i seguenti valichi di frontiera autorizzati:

Tutti i giorni della settimana:

  1. Valença-Viana do Castelo, uscita Ponte Tuy-Valença-collegamento IP 1-A 3, a Valença;
  2. Vila Verde da Raia-Chaves, uscita A 52, collegamento con A 24, km 0, alla rotonda;
  3. Quintanilha-Bragança, uscita Ponte Internacional IP 4 / E 82, uscita svincolo Quintanilha o vicino alla sede della CCPA sulla N 218-1 Quintanilha;
  4. Vilar Formoso-Guarda vicino alla linea di confine, Largo da Fronteira, vicino CCPA, N 16 / E 80, collegamento 620 Fuentes de oronoro, Spagna, compreso l'accesso dal parcheggio TIR, tramite camion, N 16, Vilar Formoso;
  5. Marvão-Portalegre, linea di confine, Marvão, collegamento N 521 con Valencia de Alcântara a IC 13 Marvão;
  6. Caia-Elvas, uscita A 6, km 158, raccordo Caia-Elvas nei pressi del punto turistico, Elvas;
  7. Vila Verde de Ficalho-Beja vicino alla linea di confine, collegamento A 495 Rosal de la Frontera a IP 8, Serpa;
  8. Castro Marim-Praça da Fronteira, km 131 al A 22, Ponte internazionale Guadiana-Castro Marim.

nei giorni feriali, dalle 7.00 alle 9.00 e dalle 18.00 alle 21.00:

  1. Monção, Avenida da Galiza, km 15.300, EN 101;
  2. Miranda do Douro, km 86.990, EN 218;
  3. Termas de Monfortinho-Castelo Branco, bivio N 239 con N 240 a Termas de Monfortinho;
  4. Mourão, confine S. Leonardo, km 7, EN 256-1;
  5. Barrancos, EN 258, km 105.5, che si collega con HU -91
    • solo il mercoledì e il sabato, dalle 10.00 alle 12.00:
    • Rio de Onor, punto di confine Rua da Costa, strada rurale
Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.