Putin ha promulgato una legge che consente agli aerei commerciali noleggiati di diventare proprietà delle compagnie aeree! Le società di leasing prendono il loro "pensiero" da 500 aerei commerciali!

0 926

Lunedì è entrata in vigore una legge che consente alle compagnie aeree russe di registrare in Russia aerei noleggiati all'estero. Così, le società di leasing ei creditori, che devono recuperare più di 500 aeromobili prima dell'entrata in vigore delle sanzioni, possono distogliere il pensiero da loro.


Il disegno di legge, firmato dal presidente russo Vladimir Putin, ha scosso l'industria aeronautica globale. Le sanzioni occidentali imposte dopo l'invasione russa dell'Ucraina consentono alle società di leasing di recuperare 28 miliardi di dollari di aeromobili entro il 10 marzo. Le compagnie aeree russe hanno quasi 780 aerei noleggiati, di cui 515 dall'estero.

La nuova legge, parte delle misure della Russia per combattere le sanzioni occidentali, afferma che mira a "garantire il funzionamento ininterrotto delle attività dell'aviazione civile". La mossa arriva dopo che le Bermuda e l'Irlanda, dove sono registrati praticamente tutti gli aerei noleggiati all'estero che operano in Russia, hanno affermato che stavano sospendendo i certificati di aeronavigabilità per quegli aerei.

In questo contesto, la Russia non può più utilizzare quegli aerei, ma può smontarli per parti! Nessun aeroplano può volare senza un certificato di aeronavigabilità rilasciato dall'autorità per l'aviazione civile del paese in cui è registrato. Le compagnie aeree russe hanno iniziato a registrare nuovamente questi aerei sul territorio russo, ma anche in questo contesto questi aerei non potranno volare fuori dai confini della Russia perché rischiano di essere confiscati.

Tuttavia, le compagnie aeree contraddiranno i proprietari di aeromobili noleggiati e le norme internazionali che vietano la doppia immatricolazione degli aeromobili, che possono essere immatricolati in un solo paese.

Le società di leasing non acconsentiranno a rilasciare i loro aeromobili dai loro attuali registri esteri, scelti a causa delle preoccupazioni sull'affidabilità delle normative russe.

"È illegale immatricolare un aeromobile senza la prova della cancellazione dal registro precedente, così come il consenso del proprietario. Si tratterebbe di una violazione degli obblighi previsti dai contratti di leasing", ha affermato il consulente per l'aviazione Bertrand Grabowski.

L'Agenzia dell'aviazione federale russa ha affermato che al 24 febbraio c'erano 776 aerei registrati all'estero, il che indica il numero nel giorno in cui la Russia ha invaso l'Ucraina. La Russia definisce le sue azioni in Ucraina una "operazione speciale".

Le società di leasing risolvono i contratti di locazione e richiedono la restituzione degli aeromobili. Ma hanno avuto scarso successo e gli esperti affermano che le controversie legali tra le compagnie aeree russe e le società di leasing potrebbero richiedere anni.

Gli Stati Uniti e i paesi europei, da un lato, e la Russia, dall'altro, hanno bloccato ciascuno il proprio spazio aereo alle compagnie aeree dell'altro attraverso misure "tit for tat".

La scorsa settimana l'autorità per l'aviazione statale russa ha raccomandato alle compagnie aeree con aerei noleggiati all'estero di sospendere i voli all'estero, rendendo difficile per i proprietari di immobili riacquistarne il possesso.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.