Rapporto IATA: il 2020 è stato l'anno più debole per il trasporto aereo, registrando una diminuzione del 60.2% del numero di passeggeri trasportati rispetto all'anno precedente.

0 337

La IATA ha presentato un rapporto con le ultime World Air Transport Statistics (WATS). Mostra che il 2020 è stato l'anno più debole per il trasporto aereo globale.



Si può notare la forte influenza della pandemia di COVID-19 sul settore aereo, che ha portato a bassi ricavi, limitato traffico passeggeri e significative perdite finanziarie.

Secondo il rapporto IATA, a causa dell'effetto devastante della pandemia di COVID-19 sul settore, nel corso del 1,8 hanno volato solo 2020 miliardi di passeggeri, in calo del 60,2% rispetto al 2019, quando ne furono segnalati circa 4,5. , XNUMX milioni di passeggeri.

Nel 2020, la domanda di passeggeri internazionali (RPDC) è diminuita del 75,6%, mentre la domanda di passeggeri aerei domestici (RPDC) è diminuita del 48,8% rispetto al periodo pre-pandemia.

Inoltre, lo stesso rapporto ha rivelato che la connettività aerea è diminuita di oltre il 50% nel 2020, poiché molte rotte sono state sospese a causa della mancanza di passeggeri. Inoltre, i ricavi delle compagnie aeree passeggeri sono diminuiti del 69% e le perdite nette sono state pari a 106,5 miliardi di euro.

"Il 2020 è stato un anno che tutti vorremmo dimenticare. Ma l'analisi delle statistiche di rendimento per l'anno in questione rivela una straordinaria storia di perseveranza. Sulla scia della crisi dell'aprile 2020, il 66% della flotta del trasporto aereo commerciale mondiale è stato detenuto a terra mentre i governi chiudevano le frontiere o imponevano rigorose quarantene. Un milione di posti di lavoro sono scomparsi. E le perdite del settore per tutto l'anno sono state pari a 126 miliardi di dollari", ha affermato Il direttore generale della IATA Willie Walsh.

Secondo la IATA, i cittadini dei seguenti paesi hanno viaggiato in aereo nel 2020:

  • Stati Uniti (9,7% dei passeggeri totali o 45,7 milioni)
  • Regno Unito (8,6% dei passeggeri totali o 40,8 milioni)
  • Germania (6,5% dei passeggeri totali o 30,8 milioni)
  • Francia (4,9% dei passeggeri totali o 23,3 milioni)
  • India (3,7% dei passeggeri totali o 17,4 milioni)

Il rapporto ha anche sottolineato che, a seconda della domanda dei passeggeri (CPR), la diminuzione più significativa è stata osservata in Europa, che è diminuita del 70,7% (290,3 milioni) nel 2020 rispetto al periodo precedente.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.