I rumeni completamente vaccinati potranno viaggiare in Thailandia senza essere messi in quarantena, dal 1 novembre 2021

0 681

La Thailandia mette fine alla quarantena per i visitatori vaccinati provenienti da più di 60 paesi, la più grande scommessa di riapertura in Asia e che potrebbe segnare una svolta per il rilancio del turismo di massa durante la pandemia.



A partire da lunedì 1 novembre, i viaggiatori completamente vaccinati che volano da Australia, Stati Uniti, Cina, Singapore, Giappone, India e gran parte dell'Europa, inclusa la Romania, potranno visitare liberamente le spiagge, i templi e le isole tropicali della Thailandia. Saranno testati all'ingresso in Thailandia, informa tatnews.org.

Elenco dei paesi approvati dalla Thailandia

Per viaggiare in Thailandia, i turisti vaccinati avranno bisogno di:

  • Un certificato di vaccinazione e test RT-PCR prima della partenza e all'arrivo in Thailandia.
  • Assicurazione sanitaria Covid per $ 50.000.
  • Una prenotazione confermata e pagata in un hotel SHA+ per una notte, in previsione del risultato del test.
  • Thailand Pass - Ti consigliamo di registrarti per il nuovo documento di ingresso elettronico della Thailandia (codice QR Thailand Pass) almeno 7 giorni prima della data del viaggio. Coloro che hanno già ricevuto il COE (Certificate of Entry) e si recheranno in Thailandia dopo il 1 novembre, questo rimane valido. I viaggiatori possono aggiornare il COE approvato con i termini e le condizioni di soggiorno rivisti, in conformità con le nuove regole di ingresso, scaricando il nuovo COE da sito web di registrazione.

È la mossa più importante della Thailandia recuperare alcuni dei quasi 40 milioni di visitatori che ha ospitato un anno prima della pandemia. Questa mossa strategica è descritta come una "lotta per guadagnare turisti stranieri" poiché i paesi dall'Australia al Regno Unito allentano le restrizioni Covid.

Se l'esperimento thailandese avrà successo, vedranno sicuramente aprirsi altre frontiere, soprattutto nei Paesi che temono una recidiva del virus dopo l'apertura.

"Non ci aspettiamo che gli hotel lo facciano essere pieno durante la notte, ma è un ottimo primo passo ", ha affermato John Blanco, direttore generale del lussuoso hotel Capella Bangkok. "Tutti i paesi adottano la stessa strategia, nel senso che dobbiamo imparare a convivere con il Covid. È un tema generale in tutto il mondo."

Sebbene la Thailandia si stia preparando a riaprire i suoi confini dal 1 novembre, le compagnie aeree non hanno fretta di programmare voli da/per destinazioni di vacanza thailandesi.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.