La stagione turistica estiva 2021 è l'ultima speranza di sopravvivenza per agenzie di viaggio e compagnie aeree in Europa?

0 679

Nonostante una serie di notizie positive negli ultimi mesi, compreso l'inizio della campagna di vaccinazione, il numero di casi ha iniziato ad aumentare in modo allarmante in Europa. Se a febbraio 2021 la situazione era al punto pandemico più basso degli ultimi 5 mesi, ecco che arriva marzo con questo allarmante aumento del numero di casi. E come se questa triste notizia non bastasse, ma il numero di casi gravi nei reparti ATI ha iniziato ad aumentare. L'intera Europa è sotto l'effetto di un'ondata 3 della pandemia COVID-19.

L'onda 3 è arrivata in un momento in cui l'industria del turismo sperava in un 2021 molto migliore rispetto al disastro del 2020. Molte compagnie aeree e agenzie di viaggio in Europa hanno iniziato ad annunciare nuove rotte, pacchetti e la speranza che la vaccinazione di massa rilanci il turismo internazionale.

Ci sono grandi speranze per la stagione turistica estiva 2021

Finora, la pandemia COVID-19 ha fatto diverse "vittime" tra le compagnie aeree e agenzie di viaggio. Ma la maggior parte di loro è riuscita a sopravvivere con il sostegno delle autorità (non è il caso della Romania). I debiti registrati sono colossali ei governi dei paesi europei hanno cercato di coprire queste perdite offrendo aiuti di Stato e prestiti. Il problema è che gran parte di questo sostegno dovrà essere rimborsato, ma se la stagione estiva non porta fondi sufficienti alle compagnie aeree e alle agenzie di viaggio, potremmo assistere al fallimento di altre compagnie aeree e turistiche in autunno.

Il 2020 è stato un anno catastrofico per l'aviazione, il turismo e l'ospitalità

Il 2020 è stato un anno catastrofico per l'aviazione, il turismo e l'ospitalità, un anno difficile sotto tutti i punti di vista. Ma il traffico aereo passeggeri ha subito una ripresa temporanea nella stagione estiva. I dati di Eurocontrol mostrano che tra il 1 ° luglio e il 15 settembre 2020 il numero di voli in Europa è aumentato. A titolo di esempio, il 27 giugno 2020 sono stati segnalati 6730 voli nel continente, in diminuzione di circa l'80% rispetto allo stesso giorno del 2019. 5 giorni dopo, già il numero dei voli aumenta, rispetto allo stesso periodo del 2019 , già la differenza era minore, solo il 65%.

La ripresa è stata piuttosto significativa nell'agosto 2020 quando il numero di voli registrati è stato inferiore solo del 49% rispetto al 2019 e sappiamo fin troppo bene che agosto è uno dei mesi più trafficati dell'anno. Ma arrivò l'onda 2, la stagione estiva stava per finire e il numero di voli era in caduta libera.

Le aziende a basso costo sono state le più flessibili durante la crisi COVID-19

Se analizziamo l'evoluzione delle compagnie aeree, di gran lunga i vettori low cost si sono posizionati meglio. Ad esempio, Wizz Air ha continuato a operare voli sulle principali rotte durante tutto l'anno, purché le restrizioni consentissero. Confrontando il 2019 al 2020, possiamo dire che a giugno 2020 Wizz Air ha registrato 960 passeggeri trasportati, che si traduce in un calo di circa il 000% rispetto al 50. Ma è riuscita a recuperare a luglio quando ha registrato 2019 milioni di passeggeri trasportati, solo in calo 3% rispetto allo stesso mese del 26. E ad agosto la differenza tra il 2019 e il 2019 era solo del 2020%. Ma non dobbiamo dimenticare che nel 20 Wizz Air intendeva aprire 2020 nuove basi e dozzine di rotte, cosa avvenuta con difficoltà e non del tutto a causa della pandemia COVID-14.

Oltre a voli cancellati, rotte sospese, basi chiuse, le compagnie aeree sono state costrette a trattenere gran parte della flotta aerea. Compagnie come KLM, Air France, British Airways o Lufthansa hanno abbandonato temporaneamente o completamente i servizi di Boeing 747-400, Airbus A380, Airbus A340 e parzialmente Boeing 747-8i.

L'anno 2021 è iniziato con grandi speranze per la ripresa dell'aviazione

L'anno 2021 è iniziato con grandi speranze per la ripresa dell'aviazione e la ripresa automatica del turismo di massa. Tuttavia, tutto dipenderà dall'evoluzione della pandemia COVID-19, dal numero di nuovi casi e automaticamente dalle restrizioni imposte dalle autorità. La vaccinazione della popolazione dà grandi speranze alle persone e automaticamente ai settori economici. Ma non dimentichiamo che ancora non sappiamo molto sull'efficacia dei vaccini, sul contagio, sul periodo di immunità.

Il 2021 è un punto di svolta per molte aziende

Economicamente parlando, il 2021 è un punto di svolta per molte aziende. Molti di loro sono riusciti a sopravvivere all'inerzia del periodo pre-COVID, ma la liquidità era quasi esaurita e i prestiti sono aumentati. Ad esempio, easyJet ha aumentato il livello del proprio debito da $ 1.7 miliardi nel settembre 2019 a $ 3.7 miliardi l'anno dopo. Il punto è che 1.3 miliardi di dollari hanno una scadenza per il rimborso del 30 settembre 2021. Ma easyJet è un caso "felice", con una liquidità netta di 4.2 miliardi di dollari. Ma anche così, è molto importante che un terzo di questo importo sia dedicato ai rimborsi, soprattutto se la stagione estiva 2021 non porta entrate sufficienti.

Ma easyJet non era l'unica azienda che doveva di più. Lufthansa Group ha aumentato il livello del debito da $ 7.8 miliardi a $ 11.7 miliardi, IAG ha aumentato il debito da $ 8 miliardi a $ 11.4 miliardi. Il problema è che gran parte di queste somme dovrà essere rimborsata in breve tempo, circa 1-2 anni.

Non dimentichiamo gli aiuti ricevuti dalle autorità regionali e locali. Ci sono stati paesi che hanno pompato molti soldi nelle compagnie aeree, in varie forme e pretesti. Ma gli aiuti sono finiti, le autorità hanno toccato il fondo e una ripresa dell'economia è incerta nel prossimo periodo. Quindi cosa possiamo aspettarci nel 2021?

L'aviazione e il turismo dipendono da ciò che sta accadendo quest'anno

Certamente l'aviazione e il turismo dipendono da quanto sta accadendo quest'anno. Al di là delle misure restrittive nel contesto della pandemia, credo che le autorità dovrebbero attuare un piano generale per la ripresa economica. Paesi come Grecia, Spagna, Italia, Bulgaria stanno già lottando per l'apertura della stagione turistica. Hanno grandi speranze per le campagne di vaccinazione e il desiderio delle persone di viaggiare in sicurezza. Sebbene il biglietto aereo sia aumentato di recente rispetto al periodo pre-COVID, i pacchetti turistici sono ancora più economici. La struttura offre vari servizi ai turisti, viene fornito con pacchetti interessanti e offre bonus per gruppi.

Ma se riviviamo la crisi del 2020, con il turismo a zero, allora sicuramente a fine anno conteremo molte più compagnie aeree e agenzie di viaggio in bancarotta rispetto alla fine del 2020. Le compagnie aeree non potranno più accedere ai prestiti economici, situazione che diventa molto più rischiosa anche per i creditori. Allo stesso tempo, il livello di indebitamento non dovrebbe aumentare troppo, così le aziende possono entrare in una crisi finanziaria, senza prospettive di espansione e ripresa, e alla fine tutto sfocia in un fallimento.

In conclusione, l'anno 2021 sarà decisivo per molte imprese, almeno nel settore dell'aviazione e del turismo. Vogliamo un 2021 aperto al turismo, almeno a livello europeo. Lo speriamo certificato verde digitale essere ben implementato e raggiungere il suo obiettivo. Le persone hanno più paura della quarantena, non dei vaccini o dei test. Ciò suggerisce che le autorità possono trovare un modo per rimuovere la quarantena dalle misure restrittive. Solo così possiamo sperare in un ritorno del turismo e dell'aviazione.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati dei tuoi commenti.