La Spagna vuole vietare i voli nazionali a favore dei viaggi in treno

0 445

Il piano "Spagna 2050", presentato dal presidente del governo - Pedro Sánchez, include la raccomandazione di vietare i voli su quei viaggi che possono essere effettuati in treno in meno di due ore e mezza per ridurre l'impatto sull'ambiente .



"Un Paese più efficiente, digitale, verde e più equo. Questo è il nostro progetto ed è possibile realizzarlo. La strategia che presentiamo prevede 50 obiettivi, circa 9 sfide, che dobbiamo raggiungere per consolidarci come uno dei Paesi più avanzati al mondo e in Europa"., ha sottolineato Sanchez. Una proposta simile è stata fatta in Francia.

La Spagna vuole vietare i voli nazionali a favore dei viaggi in treno.

Questa non è l'unica misura governativa che si intende imporre per scoraggiare questo mezzo di trasporto e per sostenere quelli più sostenibili. Nel "Piano di risanamento, trasformazione e resilienza" che Moncloa ha inviato alla Commissione europea, l'Esecutivo ha già sollevato la proposta di "rivedere la tassazione del settore aereo per agire sulle emissioni di questi settori sull'ambiente".

Inutile dire che questa decisione è già stata duramente criticata da chi nel settore del turismo ha affermato che queste proposte sono "Irresponsabile, anticoncorrenziale e dannoso per tutte le destinazioni turistiche spagnole" - ha affermato la Confederazione spagnola degli hotel e delle strutture ricettive (CEHAT).

Gli esperti sostengono il divieto dei voli su quei viaggi che possono poi essere effettuati in treno in meno di due ore e mezza.

Un divieto che non interesserebbe il trasporto aereo tra Madrid e Barcellona, ​​poiché attualmente questa tratta può essere completata ad alta velocità (AVE) in due ore e mezza o più (a seconda del biglietto scelto). Inoltre, non influenzerebbe i viaggi tra le città di Madrid e Malaga o Madrid e Siviglia, ma influirebbe sui viaggi tra Madrid e Valencia, poiché attualmente questo viaggio può essere effettuato in meno di due ore in AVE.

Inoltre, il piano si propone di adeguare la tassa sul trasporto stradale all'effettivo utilizzo del veicolo, affrontando tutti gli impatti negativi generati e garantendo una maggiore coerenza tra la tipologia del veicolo acquistato e le esigenze del servizio. Gli albergatori lo hanno già avvertito "È un errore proporre iniziative del genere nel mezzo di una pandemia" e ha avvertito che avrebbero prolungato la crisi in Spagna e la difficile situazione dei lavoratori e degli imprenditori del turismo.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.