La Thailandia si prepara ad aprire le frontiere ai turisti, ma le compagnie aeree abbandonano i voli!

1 1.128

I vettori aerei rinunciano agli slot riservati negli aeroporti thailandesi. A causa della "totale incertezza", la maggior parte delle compagnie aeree ha deciso di abbandonare i voli da/per la Thailandia nonostante l'apertura ufficiale delle frontiere il 1° novembre.



Secondo The Tiger, il direttore generale degli aeroporti in Thailandia, Nitinai Sirisamatthakarn, ha affermato che i vettori internazionali hanno rinunciato a circa l'80% dei loro slot negli aeroporti thailandesi. Secondo lui, questo è il periodo dal 31 ottobre al 26 marzo, cioè per l'intera stagione turistica.

La cancellazione ha interessato tutti e 6 gli aeroporti internazionali della Thailandia: Suvarnabhumi, Don Muang, Phuket, Hatyai, Chiang Mai e Chiang Ra. All'aeroporto Don Muang di Bangkok, le compagnie aeree hanno rinunciato a tutti gli slot, mentre Suvarnabhumi ha rinunciato al 70%.

Nitinai Sirisamatthakarn sta cercando di rimanere ottimista nelle sue previsioni e spera che il settore dell'aviazione si riprenda gradualmente nei prossimi due anni. Nel frattempo, gli aeroporti thailandesi hanno già subito perdite di 11 miliardi di baht (300 milioni di dollari) nei primi 9 mesi del 2021.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.