Il traffico aereo passeggeri in Europa, registrato nel 2021, rappresenta il 59% rispetto al 2019!

0 151

Traffico di passeggeri aerei in Europa aumentato del 37% tra il 2020 e il 2021, secondo un rapporto diffuso martedì dalla sezione europea ACI. Allo stesso tempo, questo rapporto evidenzia che il traffico aereo passeggeri in Europa è ancora del 59% superiore rispetto ai precedenti livelli di COVID-19.



"Per il momento, l'impatto della variante Omicron rimane molto significativo (…). Ciò significa che il primo trimestre del 2022 sarà deludente, ma prevediamo un miglioramento del traffico con l'avvicinarsi della primavera.Lo ha detto il CEO di ACI Europe Olivier Jankovec.

Il traffico aereo in Europa ha perso 1,4 miliardi di passeggeri rispetto al 2019, l'ultimo anno di normale attività prima dello scoppio della pandemia, e il contesto attuale indica che i piccoli aeroporti si stanno riprendendo più velocemente di quelli grandi, afferma il rapporto.

La variante Delta ha compromesso il primo semestre 2021, con un calo del traffico del 77,7% rispetto al 2019, ma i livelli si sono ripresi nella seconda metà dell'anno e, grazie a vaccinazioni e certificati di viaggio digitali, ha limitato la diminuzione al 42,4% rispetto al 2019 .

Gli aeroporti dell'Unione Europea, non dell'intero continente europeo, hanno registrato un incremento solo del 29,2% rispetto al 2020 e continuano ad avere un traffico aereo in calo del 64,6% rispetto al 2019.

I migliori risultati rispetto al 2019 sono stati quelli di Grecia (-46,8%), Romania (-52,7%), Lussemburgo (-53,9%), Cipro (-55,6%), Bulgaria (-55,9%), Spagna (-56,4%) e Portogallo (-57,9%).

All'estremo opposto ci sono gli aeroporti di Finlandia (-80,5%), Regno Unito (-78,1%), Repubblica Ceca (-74,8%) e Irlanda (-74,4%), a causa delle "gravi restrizioni imposte da quei paesi, secondo il rapporto ACI Europa.

I grandi aeroporti in Europa hanno segnalato un aumento del traffico aereo passeggeri nel 2021 rispetto al 2020, ma ben al di sotto di quello del 2019. E Gli aeroporti regionali rumeni hanno riportato più passeggeri nel 2021 rispetto al 2020, ma al di sotto del livello del 2019, che conferma il rapporto ACI.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.