Cuba annuncerà misure più drastiche per fermare la pandemia

0 115

Dal 30 gennaio Cuba lavora duramente per fermare la diffusione del nuovo coronavirus. Tutti i viaggiatori internazionali devono essere messi in quarantena all'arrivo a Cuba. Scuole, bar, ristoranti e spiagge sono chiusi.

Lo ha descritto il presidente cubano Miguel Díaz-Canel il numero medio giornaliero di casi registrati nei primi giorni di aprile è "allarmante" e ha annunciato sul suo account Twitter che lo faranno vengono annunciate misure più drastiche, come quelle attuate nelle prime due ondate di infezioni registrate lo scorso anno.

La terza ondata che attualmente attraversa Cuba è iniziata a metà dicembre

La terza ondata che attualmente attraversa Cuba è iniziato a metà dicembre, dopo la riapertura degli aeroporti a fine anno. 10 delle 15 province cubane sono colpite dalla nuova ondata di infezioni da COVID-19, con l'Avana come epicentro.

Martedì 6 aprile, l'Avana ha segnalato 437 nuovi casi di COVID-19, aumentando l'incidenza negli ultimi 15 giorni a 343.1 casi ogni 100 abitanti. Vengono applicate misure restrittive, ma i risultati desiderati non sembrano essere ottenuti.

Le carenze causate dalla crisi economica stanno costringendo le persone a scendere in piazza e fare code infinite per acquistare cibo e materie prime, il che rende difficile combattere il nuovo coronavirus.

Cuba sta sviluppando i propri vaccini

Cuba sta sviluppando i propri vaccini contro il nuovo coronavirus. Di questi, 2 - Soberana 2 e Abdala - sono nella terza e ultima fase dei test clinici. Nessuno di questi vaccini ha ancora un'autorizzazione per l'uso o la registrazione di emergenza, che le autorità sperano di ottenere a giugno.

Il governo cubano non ha acquistato vaccini sul mercato internazionale e non fa parte del meccanismo Covax creato sotto gli auspici dell'Organizzazione mondiale della sanità. In conclusione, Cuba deve ancora combattere il nuovo coronavirus e ci vorranno mesi prima che la popolazione sia completamente immunizzata. Fino ad allora, il presidente del paese esorta la popolazione a rispettare le misure esistenti, le distanze, l'igiene e la maschera.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati dei tuoi commenti.