Cuba ha riaperto le frontiere ai turisti il ​​15 novembre. Tutti i lavoratori del turismo sono stati vaccinati!

0 221

Dal 15 novembre Cuba ha riaperto i suoi confini per i turisti vaccinati, ma il 7 novembre Cuba ha iniziato a ricevere viaggiatori internazionali senza che fossero messi in quarantena o presentassero il risultato del test PCR. L'unico obbligo è presentare un certificato di vaccinazione digitale contro il nuovo coronavirus. La vaccinazione deve essere effettuata con uno dei vaccini approvati dalle agenzie di regolamentazione.

Questo è stato possibile grazie alla campagna di vaccinazione che, pur non avendo raggiunto l'obiettivo, è riuscita a portare alla vaccinazione completa di 7.9 milioni di cubani su un totale di 11.2 milioni di abitanti. Pertanto, il tasso di vaccinazione completo a Cuba è del 71.2%, mentre l'88.7% dei cubani ha almeno una dose somministrata. L'obiettivo era che entro il 15 novembre il 90% della popolazione totale a Cuba sarebbe stato vaccinato, informa evisionturism.ro.

Tuttavia, questo progresso nell'immunizzazione nel paese è stato notevole. In due mesi si è passati da oltre 7000 casi di infezione al giorno a soli 400. Allo stesso modo, tutti i lavoratori del turismo sono stati vaccinati e si è concordato di ricevere la dose di richiamo prima del 15 novembre.

Cuba è passata da un periodo tragico, con migliaia di nuovi casi e decine di morti ogni giorno, a poche centinaia di nuovi casi e 1-2 morti al giorno.

Cuba è uno dei pochi paesi al mondo ad aver creato un proprio vaccino e il primo in America Latina a svilupparlo interamente sul proprio territorio. E non solo uno: sono state sviluppate fino a cinque formule, di cui tre - Abdala, Soberana 02 e Soberana Plus - hanno già l'autorizzazione per l'uso di emergenza nel paese. Nel frattempo, i candidati Soberana 01 e Mambisa sono ancora in fase di test.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.