La Svizzera richiede un doppio test per tutti i viaggiatori non vaccinati

0 378

Dal 20 settembre, i viaggiatori non vaccinati e coloro che non sono stati infettati dal coronavirus in arrivo in Svizzera devono segnalare un test PCR negativo eseguito prima dell'arrivo e un altro eseguito tra i giorni 4 e 7 dopo l'arrivo nel paese.

Inoltre, indipendentemente dallo stato di vaccinazione, tutti i passeggeri che arrivano in Svizzera devono compilare il SwissPLF, un modulo di localizzazione dei passeggeri. Il modulo consente alle autorità di localizzare i viaggiatori che vivono nei rispettivi cantoni e di determinare se sono stati testati, secondo la legge.

Tuttavia, i passeggeri a cui è stato somministrato uno dei vaccini approvati dalle autorità mediche svizzere, risultati positivi negli ultimi 30 giorni, nonché i titolari di un certificato digitale UE COVID-19 possono entrare nel Paese senza restrizioni di quarantena. o test.

A partire dal 4 agosto, le autorità svizzere hanno imposto restrizioni più severe ai viaggiatori provenienti da India, Nepal e Regno Unito a causa delle aree colpite dal virus.

Sono inoltre esentati dall'obbligo di controllo i passeggeri in transito in Svizzera, i conducenti che trasportano persone o merci, i frontalieri e le persone che entrano nelle zone di confine. Sono esclusi dall'obbligo del test anche i minori di 16 anni.

Inoltre, tutti i viaggiatori che arrivano in Svizzera dai paesi dell'UE/Area Schengen e da altri paesi terzi che sono nell'elenco UE dei paesi con certezza epidemiologica possono entrare nel paese. Tuttavia, devono presentare un certificato di vaccinazione o di recupero valido o essere disposti a essere testati due volte.

La decisione del Consiglio federale è stata annunciata l'8 settembre e sarà valida fino al 24 gennaio 2022.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.