Shanghai è sotto il blocco più drastico dall'avvento del COVID-19!

0 319

Due anni dopo lo scoppio della pandemia di COVID-19, la Cina ha scoperto che il virus esiste. Di conseguenza, ha imposto cha un blocco più drastico a Shanghai al fine di eliminare uno dei più grandi focolai di infezione. Decine di milioni di persone sono bloccate nelle loro case a Shanghai senza il permesso di uscire.



Con un record di 25 infezioni segnalate ogni giorno, le autorità cinesi hanno chiuso milioni di persone in tasca senza dar loro la libertà di fare la spesa o acquistare i medicinali.

Allo stesso tempo, gli scaffali dei negozi sono vuoti e le persone sono alla disperata ricerca di cibo. C'è un'immensa pressione sociale a Shanghai, che costringe le autorità a prendere in considerazione misure di allentamento. Le persone non hanno più paura del COVID-19, tanto quanto hanno paura di limitare i propri diritti e la mancanza di cibo.

David Culver, corrispondente della CNN a Shanghai, racconta come passa un giorno nella vita di un residente del più grande centro economico della Cina. La giornata inizia con il test obbligatorio COVID-19. Nessuno sfugge senza essere testato.

"Trascorro la maggior parte delle mie giornate in isolamento cercando di fare più ordini di cibo, sperando che ne arrivi uno. La scorsa settimana, sono stato svegliato da una chiamata poco dopo la mezzanotte quando uno dei miei ordini era stato persino consegnato. ” David dichiara. Tuttavia, i prodotti non potevano essere ritirati dal luogo di consegna fino alle sei del mattino, quando David è andato a fare il test COVID.

Per due anni, la Cina è riuscita in gran parte a tenere a bada il virus chiudendo i confini e introducendo un sistema di tracciamento dei contatti apparentemente sofisticato che utilizza la tecnologia degli smartphone per tracciare noi e la nostra potenziale esposizione al virus.

I funzionari hanno perfezionato i test di massa con la capacità di elaborare rapidamente città con decine di milioni di abitanti. E si sono affidati principalmente a blocchi rapidi e mirati - chiudendo un quartiere, un ufficio o anche un centro commerciale con un caso confermato o uno stretto contatto all'interno - cercando di evitare la chiusura di intere città per ridurre al minimo i danni sociali ed economici. - Dichiarò anche David.

Ma nelle ultime settimane intere città sono state isolate, comprese Xi'an, Tianjin e Shenzhen. ma niente è paragonabile al lockdown di Shanghai.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.