È iniziata la costruzione del nuovo aeroporto internazionale del Mar Rosso in Arabia Saudita.

0 458

La costruzione del nuovo aeroporto internazionale del Mar Rosso è stata avviata da Foster + Partners in Arabia Saudita. L'aeroporto si trova sulla costa occidentale del paese e fa parte di un importante progetto di sviluppo turistico nella regione.

Con un progetto ispirato ai "colori e texture delle dune del deserto", presenterà una serie di cinque strutture disposte radialmente attorno ad un'area centrale di consegna e ritiro.

Sebbene non sia un grande aeroporto, il progetto promette di contrassegnare il paesaggio come una vera opera d'arte. Ci saranno cinque porte di imbarco sulle dune. Tra questi ci saranno spazi ricchi di vegetazione e ciascuno dei cinque ambienti potrà essere gestito in modo autonomo come "mini terminal", mentre gli altri potranno essere spenti per ridurre i consumi energetici.

Due ali conterranno gli spazi ausiliari dell'aeroporto, le strutture logistiche e di smistamento bagagli.

Progettato per raggiungere la capacità di un milione di passeggeri / anno entro il 2030, il nuovo aeroporto è progettato per servire i turisti che visiteranno Il complesso del Mar Rosso, riferisce Dezeen.

L'aeroporto sarà pronto entro il 2022.

Gerard Evenden, capo dello studio, Foster + Partners, ha dichiarato: "L'aeroporto del Mar Rosso è stato concepito come una porta d'accesso a uno dei resort più esclusivi al mondo e parte integrante dell'esperienza dei visitatori. Ispirato ai colori e alle trame del paesaggio desertico, il design sostenibile cerca di creare un viaggio tranquillo e lussuoso attraverso il terminal ”.

"Diventerà un hub di transito per i visitatori che arrivano via terra o via aerea. Non vediamo l'ora di lavorare con la Red Sea Development Company per realizzare la visione di questo ambizioso e unico progetto "., un conchis el.

Lo studio propone che l'aeroporto ottenga un rating di sostenibilità LEED Platinum. Sarà fornito al 100% con energia rinnovabile.

"La forma complessiva dell'edificio è stata progettata per proteggere l'ambiente interno dalla luce solare e quindi riduce sostanzialmente il fabbisogno energetico totale per il raffreddamento dell'edificio mediante schermatura automatica"., ha detto lo studio.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati dei tuoi commenti.