I viaggiatori immunizzati non dovranno più essere messi in quarantena in Svizzera

0 283

La Svizzera si prepara ad entrare nella quarta fase di eliminazione graduale delle restrizioni e coloro che vogliono viaggiare e si sono ripresi dal COVID-19 o che hanno già ricevuto le due dosi di vaccino non saranno più tenuti ad entrare in quarantena all'arrivo in Svizzera.

Le autorità svizzere hanno rimosso la Gran Bretagna dalla lista rossa il 24 marzo. Il primo ministro britannico Boris Johnson ha affermato che la proliferazione della versione indiana del coronavirus sta mettendo a repentaglio i piani del governo di revocare completamente le restrizioni pandemiche a giugno.

I viaggiatori immunizzati non dovranno più essere messi in quarantena in Svizzera.

Questa situazione porta alcuni politici svizzeri a chiedere la reintroduzione dei divieti di viaggio sui voli da / per il Regno Unito, come è avvenuto quando la versione britannica è stata rilevata per la prima volta in Svizzera a dicembre. "Non dobbiamo avere riserve sulle restrizioni all'ingresso sul territorio svizzero", ha affermato Lorenz Hess, membro del Partito democratico conservatore della Svizzera. Chiede all'Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP) di adattare le norme di quarantena per gli arrivi nel Regno Unito.

I calcoli del modello del Politecnico federale di Zurigo mostrano che, sebbene la variante indiana rappresenti circa il 5% di tutti i campioni esaminati in Svizzera, la Task Force Covid-19 prevede che questa mutazione sostituirà le altre varianti e che rappresenterà il 100% nuove infezioni fino all'estate.

"Ci sono indicazioni che la mutazione del virus indiano si trasmetta anche più velocemente di quella britannica", ha detto il medico cantonale di Basilea Thomas Steffen. È attualmente in discussione se il sistema immunitario umano reagisce meno a questa variante. La buona notizia è che i due vaccini somministrati in Svizzera - Pfizer / Biontech e Moderna - sono considerati efficaci contro la nuova mutazione proveniente dall'India.

Ci sono indicazioni che la mutazione del virus indiano si trasmetta anche più velocemente di quella britannica.

Per quanto riguarda l'inserimento del Regno Unito nell'elenco di quarantena, l'UFSP non ha ancora comunicato in tal senso. Tuttavia, sebbene l'UFSP abbia inserito l'India nella lista rossa il 26 aprile, due giorni dopo che il primo caso della variante indiana è stato rilevato in Svizzera, le autorità svizzere non hanno sospeso completamente i voli dall'India.

In un comunicato stampa diffuso dal Consiglio federale, i viaggiatori sono avvisati controllare attentamente le informazioni e le raccomandazioni per le destinazioni di viaggio, in particolare l'elenco attuale dei paesi e delle regioni conosciuti con un aumentato rischio di infezione, poiché tutti coloro che provengono da questi paesi devono autoisolarsi al ritorno dal viaggio. Non è consigliabile viaggiare in paesi in cui sono state rilevate nuove mutazioni nel virus.

Come parte del modello in tre fasi, una volta che i residenti ad alto rischio e coloro che desiderano essere vaccinati riceveranno le due dosi di vaccino, il governo passerà dalla fase di protezione alla fase di stabilizzazione quando inizierà la quarta fase del processo. Questo round consentirà ai ristoranti di offrire servizi al coperto, a partire dal 31 maggio, mentre il numero degli incontri aumenterà. Il Consiglio raccomanderà inoltre che gli eventi siano aperti a 100 persone per attività indoor e da 100 a 300 persone per attività all'aperto.

Il Consiglio federale presenterà la proposta alle autorità decisionali e si attende che il verdetto definitivo sia fissato per il 26 maggio.

Secondo i ristoranti, fino a quando il numero di casi di infezione positiva rimarrà basso, sarà consentito il servizio al coperto. L'abolizione della restrizione al ristorante è un passaggio cruciale per il piano del governo, poiché lavoreranno insieme e contatteranno persone di diversa estrazione che non indosseranno maschere, aumentando la possibilità di trasmettere l'infezione.

Mentre l'obbligo di indossare la maschera all'aperto sarà rimosso rispetto alla distanza sociale e non più di quattro persone al tavolo in ristorante e in terrazza, e verranno registrati i dati di contatto di tutti gli ospiti.

Per altre attività, come quelle sportive e culturali, sarà ammesso un massimo di 30 persone. Le attività sportive al coperto possono essere svolte se non partecipano più di 15 persone. Il numero può essere ampliato se i partecipanti indossano maschere.

Per le aziende che vengono testate regolarmente, non sarà necessario lavorare a distanza, come gli istituti di istruzione superiore, con un limite massimo di 50 persone.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati dei tuoi commenti.