Il Canada ha riaperto le frontiere al turismo internazionale

0 270

Annunciato alla fine di luglio, l'allentamento delle restrizioni ai viaggi in Canada è entrato in vigore il 7 settembre. Ad eccezione dei voli dall'India e dal Marocco - che sono ancora sospesi, tutti i passeggeri sono stati completamente vaccinati contro il Covid-19 (con vaccini Pfizer-BioNTech, Moderna, AstraZeneca e Johnson & Johnson, o vaccini autorizzati dall'Unione Europea) da almeno 14 giorni prima dell'ingresso nel paese e gli asintomatici possono entrare nel territorio canadese senza quarantena.



Nello specifico, i viaggiatori devono fornire la prova della vaccinazione (in inglese, francese o una lingua certificata e il documento originale) all'arrivo in Canada e registrarsi sul portale ArriveCan. Verrà quindi chiesto loro di fornire la prova di un test PCR negativo prima di salire a bordo di un aereo o attraversare il confine terrestre. Alcuni passeggeri saranno selezionati casualmente da Health Canada e dovranno sostenere un secondo test.

Per i viaggiatori non vaccinati, rimangono le restrizioni all'ingresso e ai test. Anche i non vaccinati dovranno rimanere in quarantena per un periodo di 14 giorni. Il Canada ha chiuso le sue frontiere aeree il 18 marzo 2020 e le frontiere terrestri tre giorni dopo.

Compagnie come Air Canada e Air Transat hanno parzialmente ripreso i voli sulle rotte a lungo raggio, mentre Porter Airlines rilancerà i voli nazionali dall'8 settembre.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.