La Repubblica Ceca impone restrizioni a chi arriva da zone ad alto rischio epidemiologico.

0 148

Il governo della Repubblica Ceca ha inserito l'Estonia, l'Ungheria, la Polonia, la Slovenia e San Marino nella lista rossa a causa del crescente numero di casi di infezione da COVID-19. Allo stesso tempo, le Azzorre e la Norvegia sono state inserite nella lista arancione, trasmette SchengenVisaInfo.com.

La decisione del ministero della Salute ceco è arrivata dopo aver considerato i dati aggiornato dal Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (ECDC), che mostra il livello dei casi in altri paesi europei e che è stato aggiornato il 3 maggio.

In un comunicato stampa diffuso dal Ministero della Salute, è stato spiegato che tutte le persone di ritorno da un paese della lista rossa, che attualmente comprende i paesi dell'Unione Europea e paesi terzi che non sono elencati in nessun'altra categoria, devono eseguire un test per il virus COVID-19 prima di entrare nel territorio della Repubblica ceca.

Sulla base dei dati forniti dall'ECDC, i paesi sono stati classificati in quattro diversi gruppi, a seconda del livello di rischio di coronavirus.

Ad eccezione di Estonia, Ungheria, Polonia, Slovacchia e San Marino, recentemente aggiunti alla lista rossa, la categoria comprende già Belgio, Danimarca, Bulgaria, Italia, Monaco, Liechtenstein, Lussemburgo, Lettonia, Lituania, Grecia, Austria , Romania, Germania, Slovacchia, Svizzera, Spagna e Isole Canarie.

Tutte le persone che tornano in Repubblica Ceca dopo aver soggiornato in uno dei paesi sopra menzionati sono tenute a compilare un modulo all'arrivo in territorio ceco, nonché a eseguire un test PCR prima di entrare nel paese e un secondo test., Entro e non oltre cinque giorni dopo l'ingresso nella Repubblica Ceca. I passeggeri dovranno rimanere in autoisolamento fino a quando non riceveranno un risultato negativo del secondo test eseguito.

Secondo il ministero, sono state apportate modifiche anche alla lista arancione, che comprende i paesi con un rischio inferiore rispetto a quelli posti nella categoria rosso scuro o rosso. Ad eccezione di Finlandia, Irlanda, Malta, Portogallo e Isole Baleari, l'elenco includerà ora le Azzorre e la Norvegia.

I passeggeri in arrivo dai paesi della lista verde sono esenti da ogni restrizione.

Attualmente, i paesi che hanno segnalato un minor numero di casi di COVID-19 e sono nella lista verde, sono esenti da tutte le restrizioni. La categoria comprende Vaticano, Australia, Corea del Sud, Nuova Zelanda, Singapore e Thailandia.

D'altra parte, il Ministero ha vietato i viaggi in paesi in cui le mutazioni COVID-19 sono diventate diffuse, tra cui Botswana, Brasile, India, Sud Africa, Kenya, Colombia, Lesotho, Malawi, Mozambico, Perù, Swaziland, Tanzania, Zambia e Zimbabwe. Data la rapida diffusione dei ceppi di coronavirus in Europa, l'ECDC raccomanda a tutti di posticipare i propri piani di viaggio a meno che non sia essenziale.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati dei tuoi commenti.