La Svizzera sta implementando il "Certificato digitale UE COVID", a partire dal 7 giugno

0 193

La Svizzera seguirà l'esempio di altri paesi europei e lancerà "Certificato digitale EU COVID" quasi un mese prima della scadenza per la sua attuazione. Il governo svizzero ha annunciato che, a partire dal 7 giugno, inizierà a distribuire documenti volti a facilitare i viaggi nei paesi europei per tutte le persone vaccinate e per le persone che risultano negative al test PCR o per coloro che sono guariti dopo l'infezione da coronavirus.

A tal fine, le autorità svizzere stanno ancora lavorando sui dettagli per decidere quali restrizioni potranno essere revocate quando i certificati inizieranno ad essere utilizzati. "Lo scopo del certificato è chiaro: dovrebbe creare libertà di movimento, dimostrando che il titolare del passaporto è stato vaccinato, guarito dalla malattia o testato. In particolare, semplificherà i viaggi nell'area Schengen", ha affermato il ministro delle finanze svizzero Ueli Maurer durante una conferenza stampa a Berna, riferendosi all'area di confine Schengen, che comprende anche la Svizzera.

Le autorità svizzere hanno dichiarato che i certificati saranno emessi sia in formato cartaceo che elettronico. Secondo i funzionari svizzeri, il regime è compatibile con le norme dell'UE. I certificati di viaggio COVID-19 dalla Svizzera sono creati per proteggere la privacy dei loro utenti. Parallelamente, sarà disponibile un'applicazione digitale per il controllo e l'archiviazione dei documenti che sarà disponibile gratuitamente negli app store di Google e Apple.

La Svizzera sta implementando il "Certificato digitale UE COVID", a partire dal 7 giugno, un mese prima della scadenza fissata dall'Unione europea.

All'inizio di questo mese, le autorità svizzere hanno presentato all'Ufficio federale delle tecnologie dell'informazione, dei sistemi e delle telecomunicazioni (UFIT) i piani per il sistema di passaporto digitale per la vaccinazione COVID-19, annunciando che sarà presto implementato. Secondo i dati dell'Organizzazione mondiale della sanità, quasi 700.000 persone sono state infettate dal coronavirus in Svizzera e più di 10.000 persone sono morte dall'inizio della pandemia.

Nonostante il Paese mantenga alcune delle restrizioni imposte per prevenire la diffusione del virus, la Svizzera ha aderito all'iniziativa di molti Paesi europei per facilitare i viaggi internazionali e aiutare il settore del turismo e dell'aviazione a uscire dalla crisi finanziaria causata dal virus lanciando il digitale passaporto.

Nonostante la scadenza per l'attuazione dei certificati, che era il 1 luglio, all'inizio di questo mese, il 1 giugno, sette paesi europei hanno iniziato a rilasciare certificati di viaggio: Danimarca, Bulgaria, Repubblica Ceca, Grecia, Croazia, Polonia e Germania.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati dei tuoi commenti.