Erdogan e sua moglie sono risultati positivi al COVID-19

0 129

Il presidente turco Recep Tayyip Erdogan e sua moglie Emine sono risultati positivi al Covid-19. Il presidente della Turchia ha fatto l'annuncio sabato a mezzogiorno sul suo account Twitter, dicendo che erano stati testati per il coronavirus e che i risultati sono positivi.



"Oggi ho ricevuto il risultato del test del coronavirus, che ho fatto con mia moglie dopo aver avuto sintomi lievi. È positivo! Fortunatamente, abbiamo sintomi lievi e abbiamo appreso che abbiamo Omicron. Continueremo il nostro lavoro a casa", ha scritto Erdogan su Twitter.

Il presidente turco, 67 anni, non ha sviluppato alcuna forma grave della malattia. Eredogan è stato vaccinato con la terza dose di vaccino COVID nel giugno 2021. Durante la pandemia, la Turchia ha imposto numerose restrizioni di viaggio e blocchi locali per rallentare la diffusione del nuovo coronavirus.

La situazione della pandemia in Turchia non è positiva. La Turchia ha un alto numero di decessi a causa del COVID-19, con 248 decessi segnalati venerdì, il numero più alto da ottobre 2021. Ogni giorno vengono segnalati oltre 20 nuovi casi di COVID.

Condizioni di viaggio dalla Romania alla Turchia

All'ingresso in Turchia dalla Romania (a partire da luglio 2021 - terza fase del processo di graduale normalizzazione), vengono mantenute le seguenti misure:

Le persone che mostrano un test PCR negativo, entro e non oltre 72 ore prima dell'ingresso in Turchia, sono escluse dalla misura di quarantena.

Sono esentati dalla misura di quarantena e dalla presentazione del test PCR negativo:

  • Individui che mostrano una prova di vaccinazione con due dosi di vaccino (elencate dall'OMS o dalla Turchia per l'uso di emergenza) / 1 dose per Johnson & Johnson e per i quali sono trascorsi 14 giorni dalla dose di richiamo.
  • Persone che possono dimostrare di essere state infettate da SARS-CoV-2 negli ultimi 6 mesi, a condizione che l'ingresso in Turchia avvenga a partire dal 28° giorno dopo il risultato del primo test PCR positivo. La prova dell'infezione da virus SARS-CoV-2 può essere: un risultato positivo di un test PCR, un certificato rilasciato da istituzioni mediche certificate statali o private, firmato e timbrato, rilasciato in inglese.
  • Persone che mostrano il risultato di un test antigenico negativo rapido, eseguito non più di 48 ore prima dell'ingresso in Turchia, rilasciato in inglese da un'unità medica certificata. NON si accettano test antigenici eseguiti presso il domicilio/residenza e non accompagnati da certificazione medica.
  • I bambini di età inferiore ai 12 anni sono esentati dalla presentazione di un test PCR/antigene o di un certificato di vaccinazione. I minori di età compresa tra i 12 e i 18 anni che mostrino un certificato di vaccinazione (almeno 14 giorni dopo il completamento del programma vaccinale completo) NON devono mostrare un test COVID-19 negativo.
Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.