La Francia offrirà test PCR gratuiti ai turisti

0 705

Mentre la Francia si prepara a revocare le restrizioni e ad accogliere i turisti questa estate, il paese offre test PCR gratuiti agli stranieri che scelgono di recarsi in Francia, ha affermato il segretario di Stato per gli affari europei Clement Beaune.

La maggior parte dei paesi europei richiede agli stranieri di presentare un certificato di vaccinazione o un risultato negativo di un test PCR COVID-19 prima di entrare nel proprio paese. La Francia diventerà l'unico paese europeo a offrire test PCR gratuiti a cittadini e turisti che scelgono di viaggiare in Francia.

Il costo di un test varia tra i 50 ei 300 euro in Spagna, Gran Bretagna, Germania e Svezia. Beaune ha affermato che la misura è necessaria per promuovere il turismo economicamente. "Abbiamo bisogno e vogliamo, in buona salute, rimanere la più importante meta turistica europea e mondiale".

La Francia offrirà test PCR gratuiti ai turisti quest'estate.

Il Parlamento europeo sta cercando di armonizzare le restrizioni di viaggio e chiede agli Stati membri dell'UE di fornire test gratuitamente o - almeno - di fornire una tariffa conveniente per i test PCR. Non è confermato se tutti i paesi accetteranno tale proposta.

A proposito del permesso sanitario digitale, Certificato EU COVID-19, che includerà dettagli sul vaccino o il risultato dei test PCR e sarà utilizzato per l'accesso a grandi riunioni in Francia, ma anche per i viaggi nell'UE da giugno, Beaune ha affermato che il permesso è un "Strumento di riapertura". Il codice del permesso sanitario consentirà di viaggiare ovunque nell'UE, "Da Parigi ad Atene o da Madrid a Berlino", Egli ha detto.

Dal 19 maggio la Francia passerà gradualmente alla seconda fase di riapertura. Le zone pranzo all'aperto, ovvero le terrazze di bar e ristoranti, luoghi pubblici, inclusi musei, cinema e teatri - chiusi da ottobre - dovrebbero riaprire. Tuttavia, i residenti saranno esclusi dalle 21:00 ora locale invece delle 19:00 come avviene attualmente.

La revoca delle restrizioni è stata possibile grazie al miglioramento della situazione sanitaria nel paese.

La revoca delle restrizioni è stata possibile grazie al miglioramento della situazione sanitaria nel paese. Sabato, i funzionari sanitari hanno annunciato che 20 milioni di persone, quasi un terzo della popolazione, erano state vaccinate con almeno una dose di vaccino COVID-19. C'è anche una relativa diminuzione nel numero di morti giornaliere e casi positivi, a partire da aprile, quando è stata annunciata la terza ondata.

Secondo il rapporto sulla salute pubblica annunciato domenica, ci sono stati 324 decessi negli ospedali, 31.539 nuovi casi e 29.911 pazienti ricoverati a causa di malattie associate al virus COVID-19.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati dei tuoi commenti.