Rivolte IATA: le restrizioni ai viaggi non influiscono sui tassi di infezione!

4 824

L'International Air Transport Association (IATA) ha sostenuto che le restrizioni di viaggio non influiscono sui tassi di infezione da COVID-19. I governi dei paesi dovrebbero trovare altre soluzioni per ridurre il rischio di infezione.



Inoltre, la IATA ha sottolineato che la decisione dei governi di vietare i viaggi dai paesi sudafricani o di imporre restrizioni di viaggio in generale non ha un impatto significativo su questo tema. Uno studio mostra che nel dicembre 2020 - gennaio 2021, quando la maggior parte dei paesi ha imposto requisiti di quarantena per gli arrivi da regioni ad alto rischio, il tasso di infezione non è diminuito, ma ha seguito il suo corso naturale.

Il mondo ha assistito ad alcuni degli aumenti più significativi dei contagi, con oltre cinque milioni di casi positivi.

La IATA ha sottolineato che le restrizioni ai viaggi hanno segnato un drastico cambiamento nelle società e nelle economie, con capacità e redditi dimezzati e impedendo a famiglie e individui di stare insieme.

Il paradosso è che ad aprile-maggio 2021, nel periodo in cui venivano applicate rigide regole di viaggio, i tassi di infezione erano i più alti nella storia della pandemia.

"Abbiamo visto che quando si parla di una variante, allora tutti chiudono le frontiere e limitano gli spostamenti. È davvero importante rimanere aperti e concentrati sulla questione, non punire i paesi che hanno segnalato e fatto scoperte scientifiche eccezionali su nuovi ceppi e perché siamo aperti e trasparenti su ciò che trovano. ” Mike Ryan, CEO di World Health.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.